Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo Borsellino quater Borsellino quater: a gennaio l'audizione di Riina

Processo Borsellino quater

Borsellino quater: a gennaio l'audizione di Riina

riina salvatore big5di Francesca Mondin
Totò Riina, il capo della cupola di Cosa nostra durante le stragi che nell'agosto del 2013 si lasciò andare a considerazioni e commenti con il compagno d'ora d'aria Lorusso su quello che successe nella strage di Via D'Amelio, sarà sentito il sette gennaio al processo Borsellino quater. E' da gennaio scorso che si attende questa audizione, sarebbe dovuto essere ascoltato nell'udienza di domani ma ieri la difesa ha fatto sapere che Riina, detenuto al 41 bis nel carcere di Parma, è ricoverato nell'ospedale della città emiliana. L'udienza di domani quindi, è stata revocata e la Corte oggi ha deciso di rimandare l’audizione del capo dei capi al nuovo anno.

Stamani la Corte, presieduta da Antonio Balsamo, ha inoltre dato il via libera per l'audizione di due nuovi teste. Il questore Calogero Germanà, sarà chiamato a riferire sull’incontro avuto a Roma con il prefetto Luigi Rossi nel 1992. Germanà all'epoca era applicato alla Criminpol di Palermo e stava facendo delle indagini che prendevano spunto da una relazione del giudice Salvatore Scaduti, per identificare un parlamentare di nome Enzo, che sarebbe stato riconducibile ad un'azione volta a influenzare l'esito del processo per l'omicidio Basile. Nell'incontro a Roma il prefetto si sarebbe interessato se c’era qualcosa sull'allora ministro Mannino.

Salvatore Scaduti invece sarà chiamato a testimoniare sull'intimidazione ricevuta alla vigilia della camera di consigli per la sentenza del processo sull'omicidio del capitano Basile. Sono state inoltre acquisite le tre sentenze sull'omicidio Salvo Lima  e i verbali dell'esame del collaboratore di giustizia Vito Galatolo del maggio scorso.

Non sono state accolte le richieste per i confronti tra il consulente informatico Gioacchino Genchi e il giudice Ilda Bocassini  e tra il generale Mario Mori e l'ex presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Luciano Violante perchè la Corte ha ritenuto le circostanze non essenziali ai fini del processo.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta