Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Matteo Renzi, è per te che suona la campana

Matteo Renzi, è per te che suona la campana

lodato saverio c paolo bassani roma 2015di Saverio Lodato
Per capire l’esatto significato, e la portata, del risultato elettorale di domenica sera, basta dire che i telespettatori hanno potuto assistere alla resurrezione di una giuliva Daniela Santanchè e di una giuliva Maria Stella Gelmini che sono tornate in video dopo anni di astinenza per rivendicare il successone del centro destra.
A Volte Ritorniamo, sembravano dire - e legittimamente - le due zarine un po’ attempate, ma galvanizzate dallo spoglio dei voti. Come dar loro torto?
Il PD ha perduto tutto il perdibile. Da Verona a Sesto San Giovanni, da Genova a La Spezia, da Carrara all’Aquila, da Alessandria a Pistoia, da Parma a Piacenza, da Cosenza a Catanzaro, eccezion fatta per Padova, Lecce e Taranto. Ma quello che sino ad ora in pochi hanno messo in evidenza è l’impietoso divario: il PD quei ballottaggi li perde con percentuali che oscillano fra il cinque e il dieci per cento. E nei rarissimi casi in cui vince, vince di misura.
In altre parole, non si è trattato di ballottaggi sul filo di lana, con testa a testa, partite cioé giocate sino all’ultimo respiro. Macchè. Da una parte la cavalleria del centro destra lanciata al galoppo, dall’altra brocchi e ronzini di centro sinistra che arrancavano in vista del secondo posto, scontato e garantito per legge elettorale.
Adesso si è aperto - si fa per dire - il dibattito sul voto.
E mentre Santanchè e Gelmini apparivano in grande spolvero, un Ettore Rosato d’ordinanza (PD), a "Porta a Porta", ammetteva che "il PD ha perso" salvo rianimarsi affermando che "i 5 Stelle sono scomparsi" (affermazione alquanto prematura). Nella notte, però, ci avrebbe pensato Matteo Renzi a spiegare che il PD non aveva affatto perso, semmai poteva vincere di più. Circola poi una lettura del voto che potremmo sintetizzare così: il PD ha perso quando si è presentato da solo, ma ha perso anche quando si è presentato in compagnia (in coalizione, cioé).
Si tratta di una costatazione oggettiva, che Renzi tira dalla sua per dire che non ha colpe e che Giuliano Pisapia, e le "minoranze" attratte dal suo progetto, non vanno da nessuna parte, non rappresentando alcun valore aggiunto per la coalizione. Gli antirenziani fanno il ragionamento opposto: Renzi ormai rappresenta una tale zavorra che anche la coalizione più unita viene risucchiata verso il basso proprio a causa della sua ingombrante presenza.
E in questo ci sarà del vero, se lo stesso Renzi ha preferito darsi alla macchia, non spendendosi neanche per i ballottaggi più strategici, valga per tutti quello di Genova.
Ma quando un leader del centro sinistra, fresco di plebiscito alle primarie, si fa latitante per non intestarsi la futura sconfitta, è legittimo chiedersi: che ci sta a fare?
Il tema è delicato.
Il dilemma sulla futura legge elettorale, maggioritaria o proporzionale, sembra infatti in cima ai pensieri dei dirigenti Dem. E sfogliano la margherita del presentarsi da soli o in coalizione, senza rendersi conto che il voto di domenica annuncia che alle prossime politiche il PD rischia di essere destinato a sicura scomparsa, trascritta nel Registro dello Stato Civile, sia con il proporzionale, sia con il maggioritario. In Francia, si è visto qualcosa di molto simile.
A furia di suicidarsi lentamente, in tutti questi anni, il PD è riuscito davvero a suicidarsi, ha osservato Marcello Sorgi su La Stampa.
Vale infatti la pena di svenarsi per consentire a Matteo Renzi di tornare a Palazzo Chigi alla prima occasione utile? Una pretesa, sia detto per inciso, nauseante, quella di Renzi di far dipendere tutte le sue decisioni dal miraggio di tornare a fare il premier. Un tormentone che ha stancato tutti.
Se a Genova, a Sesto San Giovanni, a Pistoia, gli elettori hanno risposto di no, che non vale la pena di svenarsi per la poltrona di Matteo, qualcosa vorrà pur dire. Per esempio: che anche loro sono ormai nauseati.
A questo punto non resta altro da fare che aspettare le prossime mosse dei Franceschini e degli Orfini, dei Rosato e delle Serracchiani e delle Gualmini, delle Moretti e dei Guerini, dei Nardella e dei Martina, eccetera eccetera.
Saranno fedelissimi renziani, va bene. Ma terranno famiglia anche loro. O no?
Ne vedremo delle belle.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Foto © Paolo Bassani

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa