Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Quei bambini mai nati fatti a pezzi per il Mercato

Giorgio Bongiovanni

Quei bambini mai nati fatti a pezzi per il Mercato

Il Governo italiano intervenga
di Giorgio Bongiovanni - Margherita Furlan

In questo articolo a firma di Margherita Furlan, che di seguito potete leggere, è possibile trovare dati specifici e spaventosi sulla "nuova moda", in voga negli Stati Uniti, di concepire un figlio per abortire, esclusivamente per fini commerciali vendendo gli organi già formati. Un situazione gravissima che avrebbe proiezioni anche in Europa e, suppostamente, anche in Italia. Le nostre domande sono rivolte al Premier Giuseppe Conte e al ministro della Salute, Roberto Speranza. Sono loro al corrente di quanto sta accadendo con il beneplacito di industrie farmaceutiche mafiose, per non dire naziste, che manovrerebbero questa spaventosa azione criminale cinica e sadica? Sono stati presi provvedimenti nel nostro Paese per verificare che nei vari istituti siano totalmente rispettate le regole? Sono state avvisate le Competenti Procure distrettuali per dare il via ad indagini e verificate le notizie di reato presenti?
Aspettiamo risposta.



Quei bambini mai nati fatti a pezzi per il Mercato
di Margherita Furlan

Negli Stati Uniti l'ultima moda si chiama “kinky”, concepire un figlio per abortire. All’Associated Press un giovane uomo ha serenamente raccontato la sua esperienza di vita: “La mia ragazza ama essere messa incinta e le piace l’aborto. Non ha mestruazioni ed è sessualmente molto attiva. Negli ultimi dieci anni abbiamo abortito sette volte".
Non è un film dell’orrore ma realtà. I feti, generati per fini commerciali come vedremo, vengono utilizzati come pezzi di ricambio e fatti nascere alla ventesima settimana di gravidanza. Successivamente da essi saranno prelevati gli organi già formati, in particolare il fegato. I consultori famigliari americani, come il Planned Parenthood Institute aiutano le donne a interrompere la gravidanza. Subito dopo, a porte semichiuse, inizia un percorso molto redditizio. Il feto abortito viene sezionato in diverse parti, tra cui fegato, rene, timo, pelle, per essere vendute. Un fegato può costare fino a 350 dollari. In un video girato “undercover" all’interno del Planned Parenthood dall’organizzazione pro life Center for Medical Progress, appare anche il listino prezzi dell’impresa Da Vinci Biosciences, una ditta d’intermediazione di tessuti fetali: 750 dollari per il cervello di un bambino, 500 per le ghiandole linfatiche, 350 per un rene.
Il mercato è proficuo e il Dr. Jörg C. Gerlach, chirurgo sperimentale dell’Università di Pittsburgh, ha sviluppato una tecnica apposita per prelevare, da feti partoriti vivi a seguito di aborto tardivo, fegati incontaminati. Il cosiddetto “protocollo” di Gerlach per la raccolta del fegato è utilizzato per i trapianti sperimentali di cellule staminali secondo le “Current Good Manufacturing Practice”, o cGMP, linee guida sviluppate dalla U.S. Food and Drug Administration (FDA), un altro ramo della HHS (Dipartimento della Salute e dei servizi umani degli Stati Uniti). Secondo le pubblicazioni mediche generalmente le procedure di vivisezione si svolgono nell’Università di Pittsburgh e sono finanziate dal NIH (Istituto Nazionale Sanitario) con ben 2 milioni di dollari dal 2011.

Quali sono le aziende interessate?
Secondo gli studi della Commissione Giustizia del Senato americano gli istituti StemExpress, Advanced Bioscience Resources, Novogenix Laboratories, Planned Parenthood Mar Monte, Planned Parenthood Los Angeles, Planned Parenthood Northern California, Planned Parenthood of the Pacific Southwest vendono, pezzo per pezzo, i feti abortiti alle grandi case farmaceutiche, naturalmente senza rispettare la legge americana.

Come mai l’interesse commerciale è così alto?
I vaccini nascono dal principio secondo cui il sistema immunitario ha “memoria” delle precedenti “battaglie vinte” contro virus e batteri. Pertanto, se si offrono al sistema immunitario dei virus o batteri morti, o indeboliti quel tanto che basta da renderli riconoscibili e tenerne così memoria, si prepara l’organismo ad affrontare la vera infezione che potrebbe scatenarsi in futuro. Ma occorre produrli “in serie”. Come? I batteri si riproducono spontaneamente per mitosi. Pertanto sono sufficienti delle colture per il loro inserimento nei vaccini. I virus invece non sono in grado di riprodursi autonomamente ma necessitano di un altro organismo vivente per impiantargli il proprio codice genetico e così perpetrare la propria specie. Per riprodurre il virus indebolito o tramortito che occorre per sviluppare l’effetto immunizzante servono dunque catene cellulari su cui il virus si vada a replicare. Per far questo, vengono usate cellule di feti umani abortiti che vengono poi riprodotte in laboratorio.
In effetti, i vaccini, in particolare quelli pediatrici, contengono, tra l’altro, metalli pesanti, formaldeide, antibiotici, ma anche sostanze molto meno note - perché coperte dal segreto industriale - che si nascondono dietro sigle e acronimi: MRC-5, WI-38 e Vero, nient’altro che linee cellulari tutte nelle mani della ATCC®, la più grande organizzazione al mondo che si occupa di risorse e materiali biologici. Da oltre mezzo secolo dunque ricercatori di ogni parte del mondo lavorano alacremente per tenere in vita cellule fetali che serviranno a Glaxo, Sanofi e Merck per la produzione di vaccini.

Esiste anche in Italia questo mercato?
La domanda sorge spontanea: ci sono istituti che vendono più o meno sottobanco organi fetali alle compagnie italiane che producono vaccini, risparmiando sulle cellule coltivate in vitro? Non ne abbiamo certezza ma è di pochi giorni fa la notizia che 15mila famiglie italiane non sanno che fine ha fatto il sangue del cordone ombelicale del proprio figlio affidato per la crioconservazione alla banca privata delle staminali Cryo-Save Italia, fallita in luglio. I campioni sarebbero stati affidati, in seguito a un subappalto, a una società terza, Pbkm, con sede a Varsavia. Da allora, però, nessuno sembra essere riuscito ad avere informazioni più precise, né a sapere se e fino a quando sarà garantita la crioconservazione dei campioni nonostante i pagamenti già avvenuti (circa 2.500 euro per ciascun campione). Impossibile comunicare con la società tramite i consueti canali telefonici, anche le mail cadono nel vuoto. Così, in un mondo che corre sempre più veloce sui binari della pazzia collettiva, circa 2mila persone si sono raccolte nel gruppo Facebook “Genitori Cryo-Save”, per cercare una tutela. Negli stessi istanti, dall’altra parte dell’Oceano, una coppia sta facendo “kinky”. A che prezzo ancora non si sa.

Visita: margheritafurlan.com

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa