Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Morti russe sospette, parla Chiesa: ''Non sono coincidenze, c'è una strategia precisa''

Terzo Millennio

Morti russe sospette, parla Chiesa: ''Non sono coincidenze, c'è una strategia precisa''

chiesa giulietto bigdi Americo Mascarucci
"L'assassinio in diretta dell'ambasciatore russo ad Ankara e l'attentato all'aereo precipitato nel Mar Nero dimostra che è in atto una strategia ben mirata contro Mosca".
Ne è convinto il giornalista Giulietto Chiesa esperto di geopolitica internazionale intervistato da Intelligonews

L'uccisione dell'ambasciatore russo ad Ankara, per altro avvenuta in diretta televisiva, e subito dopo l'aereo russo precipitato nel Mar Nero probabilmente per un attentato. Coincidenze?
"Nessuna coincidenza, la mia interpretazione sulla base dei fatti e delle deduzioni che si possono trarre, è che c'è in atto un’aggressione coperta contro la Russia da parte di una forza molto potente, che è in grado di uccidere o di far uccidere un ambasciatore o di abbattere un aereo militare carico di civili. Si tratta di una vera e propria offensiva politica che non può essere resa nota neanche dai russi, ma di cui le autorità russe sono perfettamente al corrente".

L'obiettivo quale sarebbe? Creare nuove tensioni fra Russia e Turchia come molti sospettano? E soprattutto, chi c'è dietro?
"La vittoria che i russi e Bashar al Assad hanno riportato ad Aleppo contro le forze jihadiste ha creato una forte irritazione anche negli Stati Uniti. Non mi riferisco tanto al presidente Obama quanto a certi gruppi che hanno fino ad oggi sostenuto quelle stesse forze che i russi e le forze governative hanno spazzato via. Gruppi che hanno sempre cercato di condizionare le sorti geopolitiche del mondo, Siria compresa, sbarazzandosi di Assad e consegnando il Paese ai suoi nemici. Gruppi legati ai servizi segreti che stanno restituendo pan per focaccia".

Ma la Turchia di Erdogan non era nemica del regime di Assad? Perché ora dovrebbe gioire per la riconquista di Aleppo?
"Erdogan è stato uno dei principali aggressori della Siria, poi per motivazioni che non ci sono note si è riavvicinato alla Russia. In questo momento è in atto una trattativa fra Russia e Turchia, nei prossimi giorni ci sarà un incontro fra Putin, Erdogan e il presidente iraniano alla ricerca di nuove convergenze. Gli interessi della Turchia non coincidono totalmente con quelli della Russia ma credo che l'accordo si stia cercando soprattutto sul destino dei curdi siriani".

L'attentato all'aereo russo invece che significato avrebbe? Oppure su quell'aereo viaggiava qualcuno da eliminare?
"E’ stato un atto di terrorismo molto ben pensato. A mio giudizio l'obiettivo era il Coro dell’armata rossa che ha un significato politico e morale molto forte. Ritengo si tratti di un assassinio mirato a colpire al cuore il popolo russo e soprattutto lo spirito dei russi, non soltanto le persone".

Intanto Papa Francesco nell'omelia di Santo Stefano ha chiesto di pregare per i martiri di Aleppo. Ma la città non è stata liberata?
"Il pronunciamento del Papa mi ha colpito molto, e ovviamente in negativo. Anche intorno a lui evidentemente ci sono forze che hanno interesse a tenere in vita la retorica sui martiri di Aleppo. La città è stata martoriata per anni dai jihadisti, ma guarda caso si è iniziato ad usare il termine martirio solo quando è partita l'offensiva da parte dei russi e dell'esercito di Assad per riconquistarla. Parlare oggi di martirio nel momento in cui Aleppo è liberata dai suoi aguzzini mi sembra francamente fuori luogo".

Tratto da: intelligonews.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta