Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Caso Khashoggi: procura di Istanbul chiede ergastolo per 18 sauditi

Terzo Millennio

Caso Khashoggi: procura di Istanbul chiede ergastolo per 18 sauditi

di AMDuemila
Chiesta condanna anche per l’ex numero due dell’intelligence del regno saudita e dell’ex consigliere di MBS
La compagna del giornalista: “Chiedo alle Nazioni Unite di condurre un'indagine internazionale sull'omicidio

La Procura generale di Istanbul ha chiesto la pena all'ergastolo aggravato (una sorta di 41bis) per 18 sospettati sotto inchiesta in Turchia per l'omicidio di Jamal Khashoggi (in foto), il giornalista saudita del Washington Post residente negli Stati Uniti ucciso barbaramente nel consolato del suo Paese il 2 ottobre 2018. Le richieste di pena sono state firmate dal procuratore Irfan Fidan e giungono dopo oltre un anno di indagini. Tra gli imputati figura il nome di Salah Mohammed al-Tubaigy, il capo dell'unità forense incaricato di fare a pezzi dopo il delitto il corpo del reporter, i cui resti non sono mai stati ritrovati. Gli altri due, accusati di averli "deliberatamente e crudelmente istigati a un omicidio di primo grado", sono figure passate alla ribalta nei mesi scorsi per la loro vicinanza al principe ereditario Mohammed bin Salman (MBS), considerato da alcuni il vero mandante del delitto. Si tratta dell'ex numero due dei servizi segreti del regno Ahmed al-Assiri, e dell’ex consigliere di MBS e responsabile della comunicazione Saud al-Qahtani, ritenuto la mente dello squadrone della morte. Per loro sono state chieste pene minori.
Un altro processo contro presunti assassini del giornalista Khashoggi era stato avviato dalla procura saudita un anno fa. Alla sbarra erano finiti 11 sauditi, 5 di questi sono stati condannati a morte, gli altri invece sono stati condannati a 24 anni di detenzione. Un “processo farsa” l’hanno descritto alcuni analisti per via della quasi totale assenza di trasparenza nel dibattimento. Un parere, questo, condiviso anche da Istanbul che ha commentato il verdetto del processo come "scandaloso" in quanto i veri mandanti hanno goduto dell'immunità. Al-Qahtani, infatti, è stato scagionato mentre al Assiri è stato assolto. Ad ogni modo anche il processo di Istanbul rischia di non finire come dovrebbe, seppure per altri motivi. Nessuno degli imputati, infatti, risulta essere in Turchia, pertanto il processo potrebbe non svolgersi visto che in aula non sarebbe presente nessuno di loro.
Nel frattempo Hatice Cengiz, la compagna di Khashoggi che il giorno dell’omicidio si trovava all’esterno del consolato saudita in attesa che il compagno firmasse i documenti per il loro matrimonio, ha chiesto un'inchiesta internazionale delle Nazioni Unite per fare luce sul "barbaro" delitto. "Chiedo al direttore dell'Intelligence Nazionale degli Stati Uniti di pubblicare il loro rapporto su chi è responsabile dell'omicidio di Jamal", ha dichiarato Cengiz in una nota inviata all'agenzia 'Dpa'. "Chiedo anche alle Nazioni Unite di condurre un'indagine internazionale sull'omicidio", ha aggiunto la donna precisando che le inchieste indipendenti finora hanno dimostrato la responsabilità del principe ereditario Mohammed Bin Salman, accuse che l'uomo forte di Riad ha sempre respinto. "Non ritenere responsabili i veri assassini di Jamal dà a quei funzionari il via libera per continuare l'oppressione della loro gente - ha concluso - E sarà una macchia per la comunità internazionale".

Foto © April Brady / POMED

ARTICOLI CORRELATI

Caso Khashoggi: la procura saudita condanna a morte 5 imputati

Khashoggi, ''azienda italiana nella cyber guerra saudita''

Omicidio Khashoggi, un anno senza giustizia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa