Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Eurovision, Roger Waters a Madonna, boicotta Israele

Terzo Millennio

Eurovision, Roger Waters a Madonna, boicotta Israele

da ansa.it
Andare è 'normalizzare violazioni diritti umani palestinesi'

Un appello a Madonna e a tutti gli appassionati di musica - "giovani e vecchi" - a boicottare l'edizione 2019 dell'Eurovision Song Contest, in programma quest'anno per la prima volta a Tel Aviv, è stato lanciato dalle colonne del Guardian da Roger Waters: leggenda dei Pink Floyd e del rock mondiale, oltre che militante storico del pacifismo e della causa palestinese. In un commento sul giornale britannico, Waters auspica che Madonna - annunciata come probabile ospite dell'evento - sia ancora in tempo a ripensarci, "se crede nei diritti umani". E la sollecita a farlo "per ragioni etiche e politiche".
"Alcuni miei colleghi musicisti - prosegue l'autore 75enne di Another Brick in the Wall o di Wish You Were Here - si sono esibiti di recente in Israele dicendo di averlo fatto per costruire ponti e incoraggiare la pace. Cazzate. Esibirsi in Israele è un affare lucroso, ma così si aiuta a normalizzare l'occupazione, l'apartheid, la pulizia etnica, il massacro di manifestanti disarmati e altre brutte cose".
Sempre combattivo malgrado i suoi 76 anni, la leggenda del rock Roger Waters è tornato in campo oggi con un appassionato intervento sul Guardian per esortare Madonna a non esibirsi - in qualità di ospite speciale nella serata conclusiva - nell'Eurovision Song Festival che si svolgerà il mese prossimo a Tel Aviv. Si tratta di uno degli show più grandi mai organizzati finora in Israele, che sarà trasmesso in diretta in 50 Paesi ad un pubblico stimato in 200 milioni di persone.
"Se crede nei diritti umani", ha osservato la star dei Pink Floyd, Madonna dovrebbe dare forfait. "Esibirsi in Israele è un affare lucroso - ha proseguito - ma così si aiuta a normalizzare l'occupazione, l'apartheid, la pulizia etnica, il massacro di manifestanti disarmati e altre brutte cose". In questa occasione Rogers è tornato a respingere le accuse di antisemitismo lanciate talvolta nei suoi confronti. "Si tratta di una cortina fumogena - ha spiegato - per deviare l'attenzione dai crimini contro l'umanità di Israele e screditare chi li denuncia".
"L'Eurovision - ha replicato oggi una portavoce degli organizzatori a Tel Aviv - è un evento non politico, che unisce le persone attraverso la comune passione per la musica". In Israele sono attesi i rappresentanti di 41 Paesi. Quanto alla partecipazione di Madonna, ha aggiunto la portavoce, restano attuali le dichiarazioni rilasciate due giorni fa da Yuval Cohen, il regista dello spettacolo: "Sia noi sia Madonna desideriamo molto che essa sia presente, ma ancora non c'è un contratto firmato". Madonna, del resto, è stata in passato diverse volte in Israele, mostrando sempre di sentirsi a suo agio. Si e' esibita in due occasioni, nel 2009 e nel 2012. Inoltre ha compiuto visite private, anche per approfondire - dopo aver assunto il nome di Esther - le proprie conoscenze della visione cabbalistica dell'ebraismo.
Peraltro la possibilità che la piattaforma dell'Eurovision possa essere utilizzata per lanciare proclami politici è stata evocata dal complesso islandese Hatari, una formazione di techno-punk che afferma di lottare per abbattere il capitalismo. Mesi fa i suoi tre membri hanno detto alla stampa che vorrebbero sfidare il premier Benyamin Netanyahu - a loro particolarmente inviso - in una sfida di lotta libera, secondo le usanze islandesi. Ma l'Ente europeo per le trasmissioni ha già avvertito che secondo le regole le canzoni non possono essere utilizzate per fini politici. Chi cercasse di farlo rischierebbe l'espulsione.
Intanto anche palestinesi di Gaza hanno voluto lanciare un avvertimento ad Israele. In una clip diffusa negli ultimi giorni sul web affermano, in buon ebraico, che "non si può festeggiare e ballare mentre nella Striscia milioni di palestinesi soffrono". Se Israele manterrà la calma al confine con Gaza, l'Eurovision non sarà comunque da loro disturbato. Ma in caso contrario, minacciano, non è escluso che a Tel Aviv si sentirà il sibilo di missili lanciati da Gaza.
(18 Aprile 2019)

Tratto da: ansa.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa