Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Le matite spezzate scrivono ancora

Terzo Millennio

Le matite spezzate scrivono ancora

matite spezzate 610di Emilia Cardozo
“Mano a mano che i giorni trascorrevano il caldo si faceva sentire, la colla del nastro adesivo che copriva il cotone (la benda che avevano sulle palpebre) iniziava a sciogliersi. Il prurito era insopportabile. Si aprivano delle piaghe negli occhi. Puzzavano. Erano putrefatti. Iniziammo ad avere forti dolori nelle braccia. Avevamo i segni della corda attorno al collo e non riuscivamo a slegarci. Dormivamo in quelle condizioni. A ottobre, novembre, credevamo di essere morti. María Clara e altri compagni e compagne tentarono il suicidio”.
Questo frammento del racconto di Pablo Díaz, sopravvissuto alla “notte delle matite spezzate”, ci apre la porta ad una realtà buia dell’Argentina, un’ombra della nostra storia.
La distanza nel tempo può farci cadere nella tentazione dell’oblio, facendo sì che questi ricordi, come quelli descritti da Pablo Díaz, rimangano solo un testo su un libro di storia o in una pagina di giornale. Ma queste parole sono ancora oggi più vive che mai.
Sono trascorsi 41 anni da quella sera, e non dimentichiamo l’orrore patito da quei giovani in mano al terrorismo di Stato nell’Argentina del ’76, perché se lo facessimo, sarebbe come torturarli ancora una volta.
Oggi più che mai dobbiamo pretendere giustizia per quelle voci messe a tacere con torture e assassinii affinché non succeda mai più.
Dopo 41 anni da quella sera, le matite di oggi ci chiedono: dove sono le menti perverse che misero in atto quel piano? Dove sono i civili che accompagnarono le atrocità delle dittature? Dove sono i desaparecidos di ieri e di oggi?
Dov’è Santiago Maldonado?
Le lotte di ieri ispirano quelle di oggi.
Le matite scrivono ancora.

*Foto di Copertina: youtube.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia