Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Corea, chi vuole la guerra

Terzo Millennio

Corea, chi vuole la guerra

trump kim atomicada megachip.globalist.it
Un botta e risposta con i lettori sulla crisi nordcoreana. Giulietto Chiesa smonta la narrativa ufficiale sulle responsabilità dell'attuale rischio bellico

(Risposta a Gian Paolo Perona, Carlo Ricci e altri)

Caro Giulietto,

Sostieni che è l'America a volere la guerra. non comporendo. Mi sembra che sia la Cina che la Russia non collaborino. La domanda che viene spontanea è che la Cina e la Russia temano di perdere un cuscinetto strategico. Ipoteticamente basterebbe che loro accordassero con gli Usa il mantenimento di tale cuscinetto per risolvere la questione. quando Putin e Cina dicono che le sanzioni sono inutili sinceramente mi sembra sia un non voler risolvere il problema. La via diplomatica unica da perseguire è un embargo totale. non si comprende perchè Putin sostenga che un aumento delle sanzioni porterebbe ad una guerra globale. E' palese che la Corea del Nord sia una dittatura folle ed orrenda. Non parlo di assenza di democrazia in quanto, volendo essere onesti, non credo che esista al mondo un esempio reale di democrazia , ma sicuramente la dittatura coreana è palese ed assoluta.
Gian Paolo Perona


Caro Gian Paolo,

scusami la franchezza ma la tua lettera è un condensato di vere e proprie sciocchezze e di rivoltamenti della frittata. Domani o dopo uscirà una mia analisi di questa crisi e spero ne trarrai giovamento, se avrai voglia di leggerla. Ma intanto vorrei chiedere a te, che hai così tante ipotesi, tutte campate in aria, che cosa mai si proporrebbe Kim Jong Un scatenando una guerra nucleare contro gli Stati Uniti e l'Occidente in generale? Questa sola idea condurrebbe a pensare che Kim si vuole suicidare, poiché non esiste possibilità alcuna, da parte sua, di infliggere danni decisivi agli Stati Uniti. Dunque, me la proponi tu una soluzione? Hai mai fatto i conti di quante testate nucleari sono a disposizione degli Stati Uniti e di quante si presume siano in mano a Kim? E di quanti missili? Secondo. La colpa sarebbe di Russia e Cina che "non collaborano". Perché perderebbero un "cuscinetto strategico". Non si capisce cosa sia questo cuscinetto strategico. Cina e Russia dovrebbero mettersi d'accordo con gli USA per questo fantomatico cuscinetto strategico? Ti risulta che gli USA sono intenzionati a negoziare qualcosa con qualcuno? A me non risulta.

Mi risulta che Cina e Russia non abbiano nessuna voglia di avere una guerra atomica ai loro confini. Mi risulta anche che né Putin, né Xi Jinping siano in grado di dettare legge, né a Pyongyang né a Washington.

Il pallino non è in mano loro e loro giocano al massimo di rimessa.

Ma mi risulta altrettanto chiaro che sono gli Stati Uniti che guidano la danza e non Kim Jong Un. Il quale ripete che sarebbe pronto a mettersi d'accordo se gli Stati Uniti e la Corea del Sud la smettessero di fare esercitazioni militari ai suoi confini, di terra e di mare. E se la smettessero di piazzare missili, anche nucleari, a poche centinaia di chilometri da Pyong Yang. Ma di questo nessuno scrive e nessuno dice.

La Corea del Nord sta lì da decine di anni, com'è noto. E solo adesso, da poco, è diventata un problema. Lo è diventata perché è "una dittatura palese e assoluta"? Via, non scherziamo. Ci sono altre dittature palesi e assolute che nessuno, in Occidente, si sogna di bombardare con armi atomiche o meno. Non è questo il motivo. E — aggiungo — se fosse questo, allora sarebbe un falso motivo. Anche la Cina, secondo i canoni dell'Occidente, è una dittatura. Come mai non la bombardiamo? Anche la Russia lo è in quello schema occidentale. Facciamo altrettanto?

Tu parli dell'embargo totale come di una "via diplomatica", l'unica da seguire. Ma l'embargo è, nei fatti, un atto di guerra, non una via diplomatica, è una punizione che, di regola, i più forti impongono ai più deboli e recalcitranti.

Infine tu ritieni che il compito dell'Occidente sia quello di eliminare una dittatura "folle e orrenda". Da quello che abbiamo visto in questi ultimi quindici anni tutti i tentativi di esportare la nostra democrazia si sono trasformati in tragedie immani. Tu pensi davvero che noi abbiamo questo diritto? E tu pensi ancora che questa sia la via da seguire? Se lo pensi, preparati alla Terza Guerra Mondiale, perché a quello conducono i risultati dei tuoi pensieri. Infine: ti è mai venuto da pensare che quello che ti raccontano i media, che copiano dai media americani, sia falso? Che siano sinceri non ci crede nemmeno Donald Trump, e ci credi tu?
Giulietto Chiesa

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta