Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Coronavirus: l'allarme del C.P.O.S.P di Catania su mafia e poverta'

Cronache Italia

Coronavirus: l'allarme del C.P.O.S.P di Catania su mafia e poverta'

di AMDuemila
Il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, riunito presso la prefettura di Catania, ha lanciato un allarme sul disagio sociale ed economico che sta vivendo la popolazione in queste settimane di crisi sanitaria.
Al centro dell’incontro la necessità di presidiare la legalità e rafforzare la tutela dell'economia legale "salvaguardandola e precludendo a tentativi e appetiti criminali spazi e varchi per il loro inserimento o rafforzamento nell'attuale difficile contesto sociale ed economico-produttivo", prodotto dall'emergenza coronavirus. Tale rischio, è stato detto, riguarda in particolare la provincia etnea, "già segnata da significative problematiche sociali e occupazionali, da fenomeni di difficoltà istituzionali, come ad esempio il dissesto di alcuni Comuni, e da sacche di marginalità e bisogno". E' stato rilevato che i fenomeni di disagio e difficoltà delle famiglie e imprese nell'attuale fase, caratterizzata da problematicità della ripresa economica e produttiva, “possono determinare l'insorgere di condizioni più favorevoli ai tentativi di radicamento o evoluzione di interessi illeciti e criminali".
Inoltre è stato ribadito che le criticità sociali e occupazionali, le difficoltà della ripresa economica, produttiva e commerciale, "possono costituire un varco significativo per l'espansione di iniziative illecite e criminali" (usura, riciclaggio di risorse illecite per favorire l'introduzione o il consolidamento dell'economia legale di attività criminali). Occorre, pertanto, prevenire e contrastare per tempo eventuali forme di sostegno nei confronti di imprese, attività commerciali e produttive da parte delle organizzazioni criminali, le quali in tal modo, attraverso il reimpiego di capitali di provenienza illecita, possono tentare di impadronirsi di aziende e attività commerciali e inserirsi nell'economia legale. Per non far venir meno l'attenzione nei confronti delle vittime di usura ed estorsione che hanno richiesto gli aiuti statali, il Nucleo di valutazione presso la Prefettura continua a riunirsi in videoconferenza. Peraltro, al fine di rendere più snelli l'esame, la valutazione e l'istruttoria delle istanze da visionare per le determinazioni all'Ufficio del Commissario per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, lo stesso Nucleo ha recentemente avviato anche specifiche audizioni dei richiedenti accompagnati da consulenti e avvocati.
Una mansione ulteriormente significativa, soprattutto in queste fasi, viene svolta dalle associazioni antiracket e antiusura le quali, insieme allo Stato, affiancano le vittime con iniziative concrete di sostegno. In questa ottica di collaborazione, la prefettura ha richiesto alle associazioni, nei giorni scorsi, di contribuire, dal loro punto di osservazione, al monitoraggio della situazione delle stesse vittime, facendo conoscere i profili di bisogno e di criticità in modo da individuare assieme, tempestivamente, mirati interventi aggiuntivi. La prefettura, peraltro, sta, con celerità, trasmettendo alla Consap le richieste di sospensione delle rate dei mutui concessi a sostegno del reinserimento nei circuiti economici e produttivi. Anche i dati relativi alle richieste costituiscono ulteriore elemento per la valutazione delle posizioni di disagio e di difficoltà dei predetti. Attenzione verrà rivolta anche alle attività produttive commerciali e artigianali al fine di intercettare e contrastare per tempo fenomeni di usura che possono ancor di più aggravarsi nel tessuto provinciale a causa della necessita' di reperire risorse finanziarie per la ripresa. Nell'ambito della rafforzata attività di controllo e prevenzione, infine, particolare vigilanza, verrà attuata dalle forze dell'ordine con riguardo, soprattutto, alla filiera agroalimentare, alla gestione degli approvvigionamenti e alla distribuzione al dettaglio delle piccole e medie imprese, alla sanità, al comparto turistico-alberghiero e della ristorazione e ad ogni altra filiera economico-produttiva di interesse.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa