Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta a Lavagna, dimissioni in massa in consiglio Comunale

Rassegna Stampa

'Ndrangheta a Lavagna, dimissioni in massa in consiglio Comunale

Dopo lo scandalo sulle infiltrazioni mafiose che ha travolto il sindaco Sanguineti, il consigliere Talerico e l'ex parlamentare Udc Mondello, dieci tra assessori e consiglieri hanno rassegnato le dimissioni

Dopo lo scandalo sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel Comune di Lavagna e l’inchiesta della Dda che ha portato all’arresto del sindaco, Giuseppe Sanguineti, ai domiciliari per abuso d’ufficio insieme con il consigliere comunale con delega al Patrimonio, Massimo Talerico, e l’ex parlamentare Udc Gabriella Mondello, la maggioranza ha deciso di dimettersi in massa, destinando di fatto il consiglio Comunale allo scioglimento.
Nel pomeriggio di ieri il vicesindaco Luigi Barbieri (anche lui indagato nell’ambito dell’inchiesta), gli altri membri della giunta e i consiglieri di maggioranza si sono presentanti in Comune rassegnando le dimissioni: dieci in totale i dimissionari, gli assessori Nicoletta Rebori, Annabella Vattuone e Danilo Bersaglio, e i consiglieri comunali Nicola Schiaffino, Alex Scardavilli, Valeria Iacone, Luca Di Capita, Anna Vagge, Federica Bartolini Salimbeni. Il Comune va dunque verso il commissariamento, mentre le nuove elezioni sono fissate per il 2017.
"Quello che è successo ci ha sconcertato, disorientato e rattristato - ha spiegato la Rebori, approdata a Palazzo Franconia con la lista Movimento per Lavagna davanti ai colleghi al momento delle dimissioni - Non possiamo portare avanti un compito già oneroso che abbiamo cercato di svolgere al meglio e rimettiamo il mandato condiviso con gli elettori".

genovatoday.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa