Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta, confiscati 14 immobili nel Reggino ad esponente condannato con i clan in Piemonte

Rassegna Stampa

'Ndrangheta, confiscati 14 immobili nel Reggino ad esponente condannato con i clan in Piemonte

'Ndrangheta, confiscati 14 immobili nel Regginoad esponente condannato con i clan in PiemonteIl provvedimento è stato notificato dai Finanzieri del Comando provinciale di Torino. Gli stabili si trovano tutti in Calabria e il loro valore è pari a circa 4 milioni di euro. L'uomo è ritenuto affiliato alla cosca di Natile di Careri attiva in Piemonte
23 settembre 2014
Bovalino (RC). Confiscati dalla Guardia di Finanza di Torino, 14 immobili, per un valore di 4 milioni di euro, riconducibili a Francesco Napoli, condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso nell’ambito del processo Minotauro e considerato esponente della locale di 'ndrangheta di Natile di Careri a Torino. Gli immobili confiscati si trovano tutti a Bovalino. I Finanzieri del Comando provinciale di Torino hanno eseguito un decreto di confisca emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale del capoluogo piemontese.

Il provvedimento fa seguito a un’indagine svolta dal Nucleo Polizia Tributaria di Torino, e coordinata dalla procura torinese. Gli accertamenti hanno riscontrato la sproporzione tra il patrimonio immobiliare nella disponibilità dell’uomo e i redditi dichiarati. L’uomo, per sottrarsi alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, nel corso del procedimento dinanzi alla Corte di Appello di Torino, aveva anche tentato di dimostrare di essere dipendente di una società cooperativa torinese, operante nel settore della prestazione di servizi, aveva presentato documentazione attestante la sussistenza di un rapporto di lavoro.

Ma secondo le verifiche dei finanzieri i documenti prodotti ai fini dell’assunzione erano falsi. Per questo l’uomo era stato poi arrestato anche per false dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’Autorità giudiziaria, unitamente ai due amministratori di fatto della società compiacente.

ilquotidianoweb.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa