Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta:studio, 40 mila imprese Calabria vittime racket

Rassegna Stampa

'Ndrangheta:studio, 40 mila imprese Calabria vittime racket

pizzoIl 74,9% ribadisce la volontà di non arrendersi
5 luglio 2013
Catanzaro. Usura e racket colpirebbero oltre 40 mila commercianti e operatori economici calabresi, pari praticamente ad un terzo, il 38,5% dei quali non si sente assolutamente al sicuro e il 18,5% indica le estorsioni e l'usura tra i principali reati subiti nell'area in cui opera.
Tuttavia, ben il 74,9% ribadisce la volontà di non arrendersi.ndranghet
Sono alcune delle stime contenute nel libro ''L'impero della 'Ndrangheta'' scritto dalla parlamentare Dorina Bianchi e dall'economista Raffaele Rio. Per il 70% degli intervistati le aziende calabresi sono vittime di vessazioni, imposizioni o di reati di vario tipo. Furti (23,6%), estorsioni e usura (18,5%), danneggiamenti (7,7%) sono i reati di cui si sente maggiormente parlare, ma non manca chi, fra gli intervistati, denuncia forme alternative di controllo della criminalita' quali imposizioni di manodopera, forniture e merci, attentati dinamitardi. Quasi quattro intervistati su dieci (38,5%) risponde di non sentirsi assolutamente al sicuro in considerazione dell'elevata diffusione delle attività criminali. Il 35,1% si sentono abbastanza sicuri ma fanno rilevare che le attività criminali sono evidenti pur se piuttosto rare. Solo per il 15,2% del campione l'area territoriale in cui opera risulta molto sicura.
La 'ndrangheta, è l'analisi del volume, è percepita come una componente ''normale'' dal mondo produttivo e più in generale della realtà in cui si opera, una forza talmente radicata e diffusa in alcune zone, da creare una sorta di assuefazione che condiziona le percezioni degli stessi imprenditori. Si arriva alla situazione paradossale per cui l'insieme delle attività vessatorie sembrano costituire uno scenario inevitabile. Di fronte a questo quadro, tuttavia, la quasi totalità degli intervistati (74,9%) non sembra intimidita, mostrando fermezza e ribadendo la volontà di non arrendersi e di continuare a lavorare nella propria terra di origine, non considerando, dunque, nemmeno lontanamente l'idea di trasferire o chiudere.
Deve comunque far riflettere, sostengono Raffaele Rio e Dorina Bianchi, che un 13,3% del campione ha deciso di trasferirsi o di chiudere (3,2%) o che sta considerando l'ipotesi di lasciare la Calabria e iniziare altrove l'attività o farla cessare (10,1%).

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa