Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: cominciato processo a Vaccarino

Rassegna Stampa

Mafia: cominciato processo a Vaccarino

Ex sindaco Castelvetrano, sono un morto che cammina
E' cominciato, davanti il Tribunale di Marsala, il processo che vede imputato l'ex sindaco Dc di Castelvetrano Antonio Vaccarino, 74 anni, per concorso in rivelazione di segreto d'ufficio e favoreggiamento personale con l'aggravante mafiosa. Vaccarino, tornato in carcere lo scorso 10 gennaio, era stato arrestato il 16 aprile del 2019 insieme a due carabinieri (il tenente colonnello Marco Alfio Zappalà e l'appuntato Giuseppe Barcellona), nell'ambito delle indagini per la ricerca sul boss latitante Matteo Messina Denaro. Secondo i pm della Dda, l'ex sindaco, che lo scorso anno era stato scarcerato dopo 15 giorni dall'arresto, avrebbe ricevuto da Zappalà, in servizio alla Dia di Caltanissetta, uno stralcio di una intercettazione che riguardava un'inchiesta di Mafia e l'avrebbe girata a Vincenzo Santangelo, titolare di un'agenzia funebre già condannato per Mafia. Ad essere intercettata fu una conversazione tra due soggetti che parlavano del funerale di Lorenzo Cimarosa, cugino acquisito di Matteo Messina Denaro e collaboratore di giustizia morto nel gennaio 2017 per una grave malattia. Oggi pomeriggio, all'avvio del dibattimento, Vaccarino ha partecipato in videoconferenza dal carcere di Catanzaro e, dopo le richieste di prova dei pm Francesca Dessì e Pierangelo Padova, ha chiesto di rendere dichiarazioni spontanee. "Ho sempre combattuto la Mafia. Ho contribuito alla sconfitta della sua manovalanza. Le forze dell'ordine lo possono confermare. - ha detto - Ho collaborato con i servizi segreti e a questo devo la mia condanna a morte da parte del sanguinario Matteo Messina Denaro. Per i mafiosi sono un morto che cammina, ma io, da ex sindaco, non fuggo. Però, mi strazia il cuore l'infamia di un favoreggiamento a persone che ho sempre combattuto”.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa