Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Trapani, si e' insediato il Procuratore Morvillo

Rassegna Stampa

Trapani, si e' insediato il Procuratore Morvillo

morvillo alfredo c ansada siciliaogginotizie.it
Passaggio di consegne questa mattina in Procura tra il “reggenteAmbrogio Cartosio, che va a Termini Imerese, e Alfredo Morvillo, che lascia proprio Termini Imerese per giungere nel capoluogo. La cerimonia si è svolta nell’aula intitolata a Giovanni Falcone, alla presenza del Presidente del Tribunale Andrea Genna. Il nuovo procuratore è fratello di Francesca Morvillo, morta assieme al marito Giovanni Falcone nella strage di Capaci. Entrato in magistratura nel 78, è stato pretore a Corleone fino al 1981, poi gli incarichi a Palermo dove è rimasto fino al ’96, prima come gip poi come presidente di sezione. Nel ’91, da sostituto procuratore a Palermo, è stato pm nel processo contro l’ex numero 2 del Sisde, Bruno Contrada. Nel 2000 è divenuto procuratore aggiunto fino ad approdare a capo della procura di Termini Imerese nel 2009.
Cartosio, subentrato a Marcello Viola, ha retto la Procura di Trapani per un anno portando avanti varie inchieste tra cui quelle sulle Ong che ha portato nei giorni scorsi al sequestro della nave Iuventa dell’organizzazione tedesca Jugend Rettet. “In questi anni - ha detto Cartosio nel suo messaggio di commiato - abbiamo conseguito degli ottimi risultati ma abbiamo anche vissuto difficoltà notevoli, come quelle incontrate nella delicata inchiesta sulle Ong. Da magistrati, purtroppo non è facile prendere certe decisioni che spesso confliggono con il nostro sentire personale ma siamo chiamati a distinguere sempre tra il rispetto delle leggi e i fenomeni umani”. E sempre parlando di immigrazione, l’ex procuratore ha voluto elogiare Trapani. “Ci siamo confrontati – ha detto Cartosio – con il problema dell’immigrazione. Devo ammettere che Trapani si è dimostrata una città accogliente che ha dimostrato di avere un livello di civiltà superiore rispetto ad altre realtà dove la presenza dei migranti provoca proteste”. Della stessa idea, il nuovo procuratore. Anche Morvillo ha speso qualche parola sull’inchiesta dei rapporti tra Ong e trafficanti. “Il nostro perimetro - ha affermato Morvillo - è segnato dall’ipotesi di reato. Se c’è, si deve indagare. Ipotizzare scenari improbabili con certe esternazioni fornite alla stampa non fa bene a nessuno”.

siciliaogginotizie.it

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta