Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Droga da Spagna, gup condanna 2 e rinvia i Sutera a processo

Rassegna Stampa

Droga da Spagna, gup condanna 2 e rinvia i Sutera a processo

toghe avvocati c imagoeconomica

Firenze, primo verdetto su inchiesta Dda, poi reati bancarotta
Firenze. Per un traffico internazionale di marijuana tra la Spagna e l'Italia andranno a processo con rito ordinario i fratelli Giovanni e Renato Sutera, accusati di coltivazione, nel Paese iberico, e poi importazione e smercio in Italia dello stupefacente. E' quanto ha stabilito al termine dell'udienza preliminare il giudice Fabio Frangini che, intanto, per le stesse accuse ha condannato in rito abbreviato altri due co-imputati, Ruben Crespo Guerra, spagnolo, a 8 anni 10 mesi 20 giorni di reclusione, e Pavlin Delia, albanese, a 4 anni 5 mesi 10 giorni. Per i due condannati, considerati i complici in Spagna di un traffico di droga finanziato dai fratelli Sutera da Firenze, il giudice ha stabilito l'espulsione dall'Italia "a pena espiata".
Quando nel marzo 2018 scattarono gli arresti emerse che Giovanni Sutera, 61 anni, era in libertà condizionata mentre scontava una condanna all'ergastolo avuta insieme al boss di mafia Gerlando Alberti jr per l'omicidio di Graziella Campagna, 17enne uccisa nel 1984 nel Messinese. Giovanni Sutera inoltre era stato condannato in precedenza per omicidio per la morte dell'orefice Vittorio Grassi, che fu ucciso in una sparatoria durante la rapina alla sua gioielleria a Firenze nel 1982. Inoltre, adesso, sempre a Firenze i Sutera sono imputati in un procedimento penale 'parallelo' scaturito dalla stessa inchiesta del traffico di droga condotta dal pm della Dda Giuseppina Mione. Procedimento approdato proprio oggi all'udienza preliminare e che riguarda accuse di bancarotta fraudolenta, intestazione fittizia di società commerciali e truffa, reati legati al bar Curtatone, rinomato locale del centro storico. In questo filone uno degli indagati, l'imprenditore ed ex consigliere comunale Luigi Morelli, già oggi ha fatto richiesta di patteggiamento. Da definire invece da parte del gup, nella prosecuzione dell'udienza preliminare (prossima data 4 aprile), le posizioni degli altri indagati, tra richieste di patteggiamento e di rito abbreviato.
 
ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa