Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Processo 'veleni Quirra': soldatessa, protezioni non adeguate

Rassegna Stampa

Processo 'veleni Quirra': soldatessa, protezioni non adeguate

quirra carro armato"Guanti in lattice per raccogliere residuati ma si rompevano"
Nuoro. E' ruotata intorno alla testimonianza di Maria Chiara Pala, soldatessa dell'Esercito originaria di Perfugas in forze a Perdasdefogu e ammalatasi di tumore al surrene nel 2011 quando aveva 22 anni, la nuova udienza nel tribunale di Lanusei del processo per i cosiddetti "veleni" di Quirra nel poligono militare di Perdasdefogu.
Sentita come teste delle parti civili, la donna ha raccontato tra le lacrime, davanti al giudice monocratico Nicole Serra, la sua odissea, soffermandosi in particolare sul lavoro effettuato nel poligono in quegli anni. "Mi è stato dato l'incarico di raccogliere i residuati dei brillamenti e lo facevamo senza le adeguate protezioni: usavamo guanti in lattice ma spesso si rompevano. Lo avrò fatto 15 o 20 volte. Poi facevamo anche esercitazioni che consistevano nello strisciare in terra, alzarsi velocemente, correre, ributtarsi a terra, a contatto quindi con il terreno". La soldatessa ha parlato per circa due ore e mezzo nell'aula del tribunale, dove sono stati sentiti come testi anche altri militari. Del caso di Maria Chiara Pala si tornerà a parlare nella prossima udienza fissata per il 21 novembre. In quell'occasione sarà sentito l'endocrinologo che l'ha presa in cura. Il processo vede alla sbarra otto comandanti che hanno guidato il Poligono dal 2004 al 2010, tutti accusati di omissione aggravata di cautele contro infortuni e disastri perché non avrebbero interdetto al pubblico le zone a rischio.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa