Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Dell'Utri: Ass.Georgofili, per vittime tanta solerzia non c'è

Rassegna Stampa

Dell'Utri: Ass.Georgofili, per vittime tanta solerzia non c'è

maggiani chelli giovanna 2 c BramoSestiniMaggiani Chelli critica decisione tribunale sorveglianza Roma
Firenze. "Secondo il tribunale di Sorveglianza di Roma il sig. Marcello dell'Utri deve lasciare il carcere e tornare a casa. Non è certo la prima volta che un condannato lascia il carcere e torna a casa perché i tribunali ritengono stia male", "eppure anche per mancanza di giustizia, i nostri sopravvissuti alla strage di via dei Georgofili, hanno una vita difficile, fanno ogni giorno il conto con la causa effetto di 277 chili di tritolo e tanta solerzia intorno a noi non la vediamo, neppure tanti dottori preposti, disposti a capire oltre ogni ragionevole dubbio che la strage terroristica eversiva lascia segni indelebili". Lo scrive in una nota Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili commentando il differimento della pena accordato a Marcello Dell'Utri per motivi di salute. "In Italia il senso di giustizia è molto ampio quando si tratta del reo e finisce là dove iniziano i calvari delle vittime", prosegue Maggiani Chelli, e "resta però il fatto che sono 25 anni che aspettiamo di sapere chi è 'salito sul carro' di Riina mentre era in corsa per trattare sulla pelle dei nostri figli l'abolizione di norme contro la mafia, come la certezza della pena". Maggiani Chelli inoltre ricorda che "il 26 maggio al convegno sulla giustizia in ricordo della strage di via dei Georgofili, in Regione Toscana, la magistratura ha parlato di 'significativi indizi' i quali porterebbero a continuare le indagini sui concorrenti della mafia 'cosa nostra' nella strage di via dei Georgofili. Uno degli indiziati è giusto Marcello Dell'Utri. Ma questa è un'altra cosa, eventualmente sarà un altro processo non certo per concorso in associazione mafiosa a stabilire la verità".

ANSA

Foto © Bramo Sestini

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa