Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia Flash Strage dei Georgofili, i parenti delle vittime ricordano Chelazzi: ''Non e' stato ascoltato''

Rassegna Stampa

Strage dei Georgofili, i parenti delle vittime ricordano Chelazzi: ''Non e' stato ascoltato''

Politica e Opinioni Firenze foto d'archivio Gabriele Chelazzi “non è stato ascoltato. Lui diceva sempre: ‘sette eventi di stragi in un paese in meno di un anno e mezzo è un fatto di portata inaudita, non possono non avere conseguenze o essere sottovalutati’. Ma non è stato ascoltato. Così come non lo è stato quando disse: ‘abbiamo raggiunto una verità processuale, penale ma non può finire qui. Sette stragi devono avere una lettura politica’”. Così la presidente dell’Associazione vittime della strage di via dei Georgofili, Giovanna Maggiani Chelli, oggi ha ricordato Gabriele Chelazzi, nel convegno dedicato ogni anno al magistrato che indago’ sulle stragi con autobombe del 1993. Erano presenti, tra gli altri, la presidente del tribunale di Firenze, Marilena Rizzo, l’assessore regionale Vittorio Bugli, la vicesindaco Cristina Giachi, il procuratore capo di Firenze Giuseppe Creazzo, e il procuratore di Prato Giuseppe Nicolosi. Moderatore del dibattito Francesco Nocentini, autore di numerosi volumi sulla strage di via dei Georgofili e su Chelazzi. “Io non ho avuto la fortuna di conoscerlo personalmente ma il suo esempio rimarrà legato alla storia di questo Paese – ha osservato il procuratore capo Creazzo -. Per noi costituisce un modello di professionalità e di magistrato che ha fatto la storia in uno dei momenti più delicati dell’Italia ma che ha sempre tenuto un profilo basso e non ha mai fatto azioni da protagonista. A lui tutti i magistrati dovrebbero ispirarsi”. Presenti tra il pubblico numerosi studenti. “Una persona straordinaria di questa città, una grande professionalità unità ad una grande umanità – ha sottolineato l’assessore Bugli -. E’ bello che i ragazzi siano venuti ad ascoltare, sarebbe importante se questa iniziativa servisse a stimolare in loro la voglia di scoprire chi era Gabriele Chelazzi, la sua professionalità e come si possa mettere questa al servizio degli altri”. Fonte: ANSA
(19 aprile 2017)

gonews.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta