Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Csm, Nino Di Matteo: basta spartizione incarichi tra correnti

Csm, Nino Di Matteo: basta spartizione incarichi tra correnti

di AMDuemila
Assicurare la massima trasparenza delle scelte consiliari

"Bisogna fare tutto il possibile per assicurare la massima trasparenza delle scelte consiliari. Bisogna recidere con urgenza il patologico condizionamento di logiche correntizie e di spartizione degli incarichi", a dirlo è stato il consigliere togato del Csm Nino Di Matteo durante il plenum a Palazzo dei Marescialli sulla nomina di tre magistrati segretari. Il magistrato ha chiesto di voltare pagina anche nella scelta dei magistrati segretari del Consiglio nonché di "imprimere quella svolta di cui tante volte abbiamo concretamente parlato, cambiando marcia". "Le regole attualmente in vigore prevedono le valutazioni di parametri che sono propiziati dalla influenza delle correnti, come aver fatto parte dei consigli giudiziari. Dobbiamo evitare anche la semplice apparenza di cooptazioni da parte dei gruppi o dei singoli consiglieri, e bisogna farlo attraverso una procedura che eviti che i magistrati segretari vengano designati attraverso meccanismi di cooptazione", ha avvertito l'ex pm di Palermo. Alla fine di un lungo dibattito, su proposta del vice presidente del Csm David Ermini, si è deciso per il rinvio per trovare una soluzione condivisa sul bando. "La via del cambiamento deve passare da una modifica dell'art.12 del Regolamento interno che preveda prima delle audizioni, una procedura concorsuale, sulla base della redazione di testi scritti anonimi. Bisogna avere chiara l'idea che questa pratica - ha concluso - può essere l'occasione per attribuire maggior trasparenza al Consiglio".
Sulla questione ha preso parola anche il laico M5S Filippo Donati, tra i primi ad aderire alla proposta di rinvio. "Va dato con chiarezza un segnale. Dobbiamo evitare che sia la politica a dettare le nostre regole e dunque dimostrare che siamo capaci di reagire", ha detto. Ma se questa strada alla fine ha visto d'accordo tutti, sulla valutazione delle correnti i giudizi sono stati differenti. "Non considero far parte di una corrente una cosa di cui vergognarsi" ha affermato Giuseppe Cascini, di Area, il gruppo delle toghe progressiste. Anche Antonio D'Amato, di Magistratura Indipendente, si è chiamato "fuori dalla condanna dell'appartenenza ai gruppi", dopo aver espresso la convinzione che a questo Csm tocchi "il compito non facile di traghettare la magistratura italiana da un terreno minato verso lidi più sicuri".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Palamara, quando a dare fastidio erano Di Matteo e il pool stragi

Bufera procure: chiuse le indagini su Luca Palamara

''L'affaire Csm'' raccontato da Report

Palamara: ''De Raho deve mettere fuori Di Matteo dal pool stragi''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa