Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Depistaggio via d'Amelio: prima udienza a Caltanissetta

Depistaggio via d'Amelio: prima udienza a Caltanissetta

20181105 corte udienza proc depistaggio borsellinodi Aaron Pettinari
Ministeri degli Interni e della Giustizia chiedono di essere ammessi come parti civili

È iniziato oggi davanti al tribunale di Caltanissetta, con la costituzione di nuove parti civili, il processo per il depistaggio delle indagini sulla strage di via d’Amelio, costata la vita al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta. Imputati sono i tre poliziotti Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, ex appartenenti del gruppo Falcone-Borsellino che indagò sull'attentato, che devono rispondere all'accusa di calunnia aggravata dall'aver favorito Cosa nostra.
Secondo l'accusa i tre poliziotti avrebbero avuto un ruolo nella creazione dei falsi pentiti generando il corto circuito che porta all'ingiusta condanna di otto persone per quell'attentato. Come era stato annunciato prima dell'udienza preliminare i ministeri dell'interno e della Giustizia hanno fatto istanza di costituzione di parte civile. In particolare il Viminale ha anche già anticipato la richiesta di una provvisionale da 60 milioni di euro per "danno di immagine subito dal reato di calunnia commesso dagli imputati".
La richiesta di costituzione di parte civile è stata presentata anche dal comune di Palermo, dai figli di Rita Borsellino, sorella del magistrato ucciso, da un altro dei figli dell'altra sorella di Borsellino, Adele, dai familiari dei poliziotti uccisi in quel terribile 19 luglio 1992 (Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina), dal poliziotto sopravvissuto alla strage, Antonino Vullo (assieme a lui anche i suoi familiari). La richiesta di parte civile è stata presentata anche dai familiari del boss Salvatore Profeta, oggi deceduto, che figura nell'elenco dei mafiosi ingiustamente accusati.
Durante l'udienza la difesa dell'ispettore Mario Bo ha nuovamente presentato eccezione di competenza territoriale chiedendo il trasferimento degli atti al Tribunale di Firenze. Un'eccezione che era stata rigettata dal Gup.

20181105 pm udienza proc depistaggio borsellino

La Procura di Caltanissetta, rappresentata in aula dal Procuratore Capo Amedeo Bertone e dal procuratore aggiunto Gabriele Paci, si è opposta. "Questo processo ha una genesi chiara - ha detto Paci - Alcuni servitori dello Stato non hanno reso un servizio allo Stato e fornito elementi per impedire che la verità venisse cercata. Ci sono stati due processi che si sono basati su presupposti falsi che hanno determinato la condanna di soggetti innocenti e la Corte d'Assise d'appello di Catania ha determinato la loro innocenza in ordine ai fatti della strage di via d'Amelio. È chiaro che questo percorso errato non sarebbe stato forse mai scoperto se non vi fossero state le dichiarazioni di Spatuzza nel 2008. Questo processo dunque non è una monade ma è connesso a ciò che è accaduto in precedenza e si lega inevitabilmente ai precedenti processi celebrati in questa sede giudiziaria. Per questo la competenza è del tribunale di Caltanissetta". L'udienza è stata poi rinviata al prossimo 26 novembre quando la Corte prenderà una decisione sul punto ed anche sulle parti civili. Dopo il rinvio è amaro il commento di Fiammetta Borsellino, presente oggi un aula: "Mi aspettavo che la Corte si pronunciasse già oggi. La richiesta di verità non può più aspettare. Vigileremo su questo processo, perché tante persone ancora non vogliono cercarla la verità".

Foto © ACFB

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa