Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano ''A Very Sicilian Justice''

''A Very Sicilian Justice''




Di Matteo, la condanna a morte e il processo trattativa
di matteo frame docufilmdi Giorgio Bongiovanni
“A Very Sicilian Justice”, il docu-film di Al-Jazeera
Ci voleva un'emittente televisiva come Al-Jazeera per realizzare un docu-film serio, profondo, basato su fatti veri, per far conoscere la storia di un magistrato condannato a morte come il sostituto procuratore di Palermo Nino Di Matteo. Un documentario in cui, attraverso le parole dello stesso magistrato, di giornalisti come Saverio Lodato, Salvo Palazzolo e Lorenzo Baldo, di familiari di vittime di mafia come Salvatore Borsellino, e poi ancora collaboratori di giustizia e testimoni del tempo si illustra il palcoscenico criminale che ha visto Palermo e la Sicilia come protagoniste e che si è sviluppato nel corso del tempo fino ad arrivare ai fatti del processo trattativa Stato-mafia.
Tanti pezzi di una storia che viene sapientemente messa in evidenza grazie alla straordinaria regia di Paul Sapin, al lavoro di produzione di Toby Follett, senza trascurare i dettagli della sceneggiatura e della fotografia. Un lavoro avvalorato dalla presenza del Premio Oscar Helen Mirren, voce narrante capace di trasmettere tutto il proprio sentimento e passione (così come ha espresso nell'intervista che leggerete anche nel nostro giornale) arrivando ad esprimere la propria solidarietà a tutti quei magistrati che rischiano la morte e che sono in prima linea nella lotta contro la mafia e la corruzione, come Nino Di Matteo.
Nel documentario si dimostra come su di lui non vi siano solo minacce di morte, ma una vera e propria condanna, proveniente dai vertici di Cosa nostra con il Capo dei capi, Totò Riina, che lancia i suoi strali dal carcere. Un dato, questo, spesso non evidenziato dalla grande stampa e dalla tv italiana.
Il docu-film ha anche un altro merito. Quello di dare voce a quella società civile sana di Palermo che dimostra come vi sia una voglia di riscatto. Associazioni come le Agende Rosse di Salvatore Borsellino o Scorta Civica che si impegnano nella richiesta di verità e giustizia sulle stragi oltre che nell'esprimere sostegno per i magistrati minacciati dalle mafie.
Un documentario che a nostro giudizio andrebbe proiettato nelle scuole per permettere a tanti giovani di capire cosa è accaduto e cosa sta accadendo nel nostro Paese, e soprattutto a Palermo, in Sicilia.
Sarebbe straordinario se la Rai, il Servizio pubblico, dovesse decidere di comprare questo docu-film e quindi trasmetterlo per far sensibilizzare l'opinione pubblica su questi fatti. Perché la lotta alla mafia non è finita. Il nostro Paese deve sapere che il Sistema criminale è ancora forte e che c'è ancora “qualche giudice a Berlino” che, nonostante tutto, cerca ancora di dare un volto ai mandanti e agli assassini di magistrati come Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e delle stragi.
Assassini che purtroppo si annidano anche dentro le nostre Istituzioni, perfettamente inseriti in quei poteri forti (le recenti inchieste romane e milanesi lo dimostrano) che restano presenti ancora oggi nel nostro Paese.

ARTICOLI CORRELATI

Un film inglese, un silenzio italiano - di Saverio Lodato
Helen Mirren racconta Nino Di Matteo

Helen Mirren e quel legame profondo con i veri servitori dello Stato

A Very Sicilian Justice. Di Matteo e il processo Trattativa - Italian trailer

VIDEO
Il trailer del docu-film

A Very Sicilian Justice (Italian Subtitles)-SD from Tobias Follett on Vimeo.


Il documentario sottotitolato in spagnolo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta