Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Primo Piano I figli di Borsellino rivelano: “Qualcuno frugò nella casa di Villagrazia”

I figli di Borsellino rivelano: “Qualcuno frugò nella casa di Villagrazia”

borsellino-mafredi-lucia-big0di AMDuemila - 4 giugno 2013
Indaga su nuovi elementi la procura di Caltanissetta. Nei giorni scorsi ad essere sentiti dai pm nisseni sono stati i figli del giudice Borsellino, Lucia e Manfredi, i quali hanno raccontato che qualcuno si introdusse nella casa al mare dove il padre trascorreva le vacanze, per frugare tra le sue carte. E' un nuovo tassello che si aggiunge tra i misteri di quanto avvenuto immediatamente dopo l'eccidio di via D'Amelio, come il giallo dell'apertura dei cassetti (i sigilli erano stati rotti all'indomani della strage) svuotati dei fascicoli importanti. I figli di Borsellino hanno raccontato di aver denunciato il fatto ai carabinieri, ovvero che qualcuno si era introdotto senza forzare porte o finestre, dentro la casa di Villagrazia, frugando nell'ufficio appartenuto al nonno (Angelo Piraino Leto, presidente del Trivunale di Palermo).

Secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano di questa mattina la denuncia ai carabinieri non venne mai trasmessa alla Procura di Caltanissetta e non è chiaro se si tratta di un'omissione o di un clamoroso errore di valutazione con la “visita in casa Borsellino” che venne ritenuta di poco conto dagli investigatori dell'epoca. Manfredi e Lucia hanno detto: “Papà non utilizzava quasi mai quella villetta per lavorare”. Ma ciò non avrebbe impedito comunque agli intrusi di fare una verifica. Sempre Lucia e Manfredi avevano rivelato tempo addietro che i cassetti di Borsellino, al secondo piano del palazzo di giustizia di Palermo, erano stati trovati, il 20 luglio '92, “privi delle carte relative alle ultime inchieste”. “Era chiaro che qualcuno aveva messo le mani in quella stanza: non c'erano fascicoli, né interrogatori legati alle inchieste sulle quali papà lavorava” avevano detto. Dichiarazioni che confermano quelle effettuate dalla madre, Agnese, al giornalista Sandro Ruotolo che ne ha parlato pubblicamente solo dopo la scomparsa della donna su espressa richiesta della stessa.
Tutti elementi che si sovrappongono l'un l'altro e che saranno motivo di approfondimento al processo Borsellino quater, attualmente in corso.

In foto: Manfredi e Lucia Borsellino

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa