Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Politica Caso Montante, il silenzio imbarazzato dei palazzi

Opinioni

Caso Montante, il silenzio imbarazzato dei palazzi

di Attilio Bolzoni
Nessuno sapeva niente. A Roma, in Confindustria e al Viminale. E a Palermo, in Regione. Nei ministeri, nei quartieri generali dei partiti, nei tribunali. Una cappa di ipocrisia complice è calata sullo scabroso “affaire Montante”, tutti che oggi provano "sconcerto" e "delusione", parlano di "fulmine a ciel sereno" quando informazioni (anche giudiziarie) sufficientemente attendibili sul conto del vicepresidente degli industriali italiani circolavano da almeno due anni. Ma in tanti hanno fatto finta di non vedere. In viale dell’Astronomia, dove non uno ma due presidenti - prima Squinzi e poi Boccia - hanno mantenuto o rinnovato deleghe prestigiose all’avventuriero. A Palazzo d’Orleans, dove il governatore Crocetta era praticamente al suo servizio, subendo la scelta degli assessori e assecondando oltre ogni decenza i suoi desideri.
Un silenzio di tomba ha avvolto i leader politici siciliani e non, di centrodestra e centrosinistra. I “rivoluzionari” 5 stelle dell’isola - dopo un’ “avventata” presa di posizione iniziale - si sono dolcemente mischiati al coro.
Mute le più importanti associazioni antimafia che con gli amici di Montante hanno firmato protocolli di legalità, zitte quelle antiracket che sono state le prime - con Legacoop e il sindaco di Catania Enzo Bianco - "a esprimergli solidarietà" il giorno in cui è affiorata la dubbia fama del personaggio.
In questi giorni di clamore nessuno ha però ricordato un episodio per nulla irrilevante. Un paio di settimane prima della notizia su Montante indagato, nel gennaio 2015 il ministro dell’Interno Angelino Alfano - altro sprofondato nel silenzio - nominò l’imprenditore all’Agenzia dei beni confiscati, struttura che gestisce un tesoro di 30 miliardi di euro. Su 60 milioni di italiani, Alfano scelse proprio lui. L’uomo giusto al posto giusto.

Tratto da: La Repubblica

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa