Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca In manette 26 affiliati al clan dei ''Tuppi''. Emersi elementi probatori su omicidio segretario DC Arena

Mafie News

In manette 26 affiliati al clan dei ''Tuppi''. Emersi elementi probatori su omicidio segretario DC Arena

di AMDuemila - Video
Arrestato anche un carabiniere per corruzione e rivelazione di segreti di ufficio

Questa mattina 200 carabinieri del Comando Provinciale di Catania, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno arrestato 26 persone nelle province di Catania e Reggio Calabria affiliate al clan dei “Tuppi”, attualmente confederato alla famiglia mafiosa dei Mazzei, operanti nel territorio di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono di associazione mafiosa, omicidio, estorsione in concorso, furto, ricettazione, riciclaggio, porto di armi, trasferimento fraudolento di valori e corruzione. Inoltre nel provvedimento sono stati sequestrati beni per 1,5 milioni di euro. L’operazione denominata “7 ore” è scattata a seguito delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Luciano Cavallaro, esponente storico della famiglia mafiosa dei “Tuppi”, rivali del clan del “Malpassotu” nei sanguinosi anni della guerra di mafia nel 1980-90. Con le deposizioni di Cavallaro sarebbero emersi elementi probatori sulla responsabilità di uno dei 26 arrestati, Gaetano Nicotra (classe 1951), nonchè reggente della famiglia dei “Tuppi”, nell’omicidio di Paolo Arena, il segretario della Democrazia Cristiana fucilato davanti al municipio di Misterbianco il 28 settembre 1991. Non solo, a finire in manette c’è anche un carabiniere, Gianfranco Carpino di 51 anni. L’agente, in servizio nella stazione dei carabinieri di Motta Sant’Anastasia, è accusato di corruzione, rivelazione ed utilizzazione di segreto d'ufficio. Nello specifico dal gennaio all'aprile del 2017 il carabiniere Carpino in cambio di soldi avrebbe riferito a due affiliati al clan informazioni riservate, ovvero rivelato l'identità di confidenti e spiegato le modalità per sottrarsi alle attività di controllo. Il militare è stato sospeso dal servizio ed è rinchiuso nel carcere di Bicocca, a Catania.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa