Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus La società civile si mobilita per Di Matteo

Mafie News

La società civile si mobilita per Di Matteo

striscione dimatteo pool paquiledi AMDuemila
Al Palazzo delle Aquile torna lo striscione a sostegno dei magistrati del processo Trattativa Stato-Mafia: “Palermo sta con Di Matteo e il pool antimafia”.
Dopo l’ultimo grave allarme sul progetto di morte contro il magistrato Nino Di Matteo, emerso da un’intercettazione di poche settimane fa, il comune di Palermo ha deciso di esporre, come già in passato aveva fatto, nel balcone centrale questo chiaro messaggio di sostegno.
L’iniziativa parte dalla società civile che ieri pomeriggio si è riunita dopo che la stampa ha reso nota l’intercettazione in cui un mafioso direbbe alla moglie di non andare nei luoghi frequentati dal pm perchè “A quello (Di Matteo) lo devono ammazzare”.
E così cittadini e associazioni di ogni tipo, tra cui Scorta Civica, Agende Rosse, Libera, Familiari Vittime di Mafia, Addio Pizzo, Fraterno Sostegno Agnese Borsellino, A.N.A.A.M., ANPI, Muovi Palermo, Comitato 23 Maggio e soci del Circolo del tennis di Palermo, si sono incontrati per mettere a punto un piano d’intervento a sostegno del magistrato. Ecco che come prima iniziativa hanno lanciato una campagna di solidarietà già sperimentata anni fa quando uscì la sentenza di morte nei confronti del pm dallo stesso capo della Cupola Salvatore Riina. La campagna consiste nell’esporre degli striscioni con la scritta #IO STO CON NINO DI MATTEO# da appendere ai propri balconi ed invitare i comuni ed altri enti a partecipare.
Sono già in molti ad aver aderito da più parti d’Italia dove si stanno mobilitando in diversi modi per lanciare chiaro e forte il messaggio che il magistrato non è solo.

Foto © Linda Grasso

ARTICOLI CORRELATI

Condanna a morte per Di Matteo: quel silenzio (istituzionale) colpevole

Di Matteo, il Csm rigioca la carta del trasferimento

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa