Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta 'Ndrangheta, l'operazione “Araba Fenice” svela la “zona grigia”

Mafie News

'Ndrangheta, l'operazione “Araba Fenice” svela la “zona grigia”

gdf-web11Sono 47 gli arresti tra i “colletti bianchi”. Novanta gli indagati.

di AMDuemila - 7 novembre 2013
L'hanno chiamata “Araba fenice” la maxioperazione della Guardia di finanza, condotta in 5 regioni, che ha portato all'arresto di quarantasette persone (29 in carcere gli altri ai domiciliari). Si tratta di avvocati, commercialisti, funzionari di banca, imprenditori e professionisti reggini, affiliati o vicini alle più importanti cosche. L'operazione, che vede indagate novanta persone ed è coordinata dalla procura di Reggio Calabria, ha anche portato al sequestro di 14 società e beni per un valore di circa 90 milioni.

Così sono state effettuate oltre 90 perquisizioni tra Calabria, Piemonte, Veneto, Lombardia e Puglia per reati contestati che vanno dall'associazione a delinquere di stampo mafioso, al trasferimento fraudolento di valori, quindi abusiva attività finanziaria, utilizzo ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, favoreggiamento, peculato, corruzione, illecita concorrenza ed estorsione, tutti aggravati dalle modalità “mafiose”. 
Le indagini condotte dallo Scico di Roma, coordinate dal procuratore Federico Cafiero De Raho e il sostituto della Dda Giuseppe Lombardo, hanno dimostrato che le cosche mafiose dei Fontana, Condello, Lo Giudice, Latella, Serraino, Rosmini, Audino e Ficara sono tornate a spartirsi la città.
In particolare è stata svelata l’esistenza di un vero e proprio cartello criminale di tipo mafioso in grado di condizionare la realizzazione di complessi residenziali privati, ovvero eseguire tutti i relativi e connessi lavori di completamento con la conseguente illecita percezione di profitti.
Secondo quanto spiegato dal Procuratore di Reggio, Federico Cafiero de Raho, “si tratta di un'operazione di grande significato perché colpisce le principali cosche reggine della 'Ndrangheta nella loro presenza esponenziale attraverso le imprese che operano nell'edilizia residenziale e che si avvalgono di commercialisti ed accoliti per imporre a tutti nel territorio reggino in cui operano la realizzazione di opere edilizie solo con le imprese di loro pertinenza o ad essi riconducibili''. “L'operazione - ha aggiunto Cafiero - assume, inoltre, particolare significato perché va a colpire il livello superiore della 'Ndrangheta, che delinea lo scenario di un'organizzazione criminale che si è sempre più mimetizzata nel mondo dell'economia e delle professioni e si impone a danno dell'economia legale”.
E' stato dimostrato come i professionisti agissero da veri “consiglieri” e “contabili” spiegando ai boss come e dove nascondere i patrimoni e le attività per evitare i sequestri dei beni da parte della magistratura. Poi c'erano anche gli affari delle cosche che, durante i summit, si spartivano gli affari.
Tutti venivano accontentati. C'era chi si occupava degli sbancamenti di terreno, quelle a cui interessava la carpenteria e quelle a cui venivano affidati la posa degli ascensori oppure degli infissi.
Talmente era forte il livello di infiltrazione che i boss venivano informati praticamente di tutto, di ogni controllo o indagine. Ciò era possibile, secondo gli inquirenti, grazie all'apporto di un avvocato, Mario Giglio, che si sarebbe incontrato con esponenti delle forze dell'ordine per ottenere le notizie da rendere note ai capimafia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa