Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Domani a Catania in piazza nel nome di Daphne Caruana Galizia

Di la tua | AntimafiaDuemila

Domani a Catania in piazza nel nome di Daphne Caruana Galizia

caruana galizia daphne 610 2Cittadini ed associazioni si ritrovano davanti al Consolato di Malta
di AMDuemila
“Ci sono criminali ovunque si guardi adesso, la situazione è disperata”. Così ha scritto la giornalista d’inchiesta Daphne Caruana Galizia nell’ultimo post pubblicato sul suo blog, prima che un’autobomba la facesse saltare in aria. Questo atto di terrorismo mafioso, maturato in seguito alle sue inchieste sulla corruzione politica dei vertici dello stato maltese, è accaduto in un Paese Europeo. Partendo da questo presupposto domanu mattina, dalle 10 alle 13, cittadini ed associazioni si ritroveranno davanti al Consolato di Malta di Catania, in via Martiri della Libertà 14, per protestare pacificamente per il silenzio dell'Europa e dell'Italia sull'assassinio. Un evento che non vedrà l'esposizione di bandiere e simboli afferenti partiti politici e delle associazioni aderenti all’evento proprio per garantire la massima apartiticità della manifestazione.
“Questo delitto – scrivono gli organizzatori in una nota – è una minaccia pericolosa e aperta all’intera Europa, Europa che vergognosamente tace! Il silenzio dei capi di Stato europei compresa l’Italia, manifesta la fragilità delle istituzioni, il cui omertoso no comment può indurre a pensare che vi siano indicibili equilibri da tutelare”. Al tempo stesso si ritiene ignobile “che nessun esponente dei partiti italiani o del governo, nessun rappresentante dei vertici dello Stato italiano, abbia espresso ferma condanna rispetto all’accaduto considerato che la Caruana Galizia aveva denunciato gli intrecci affaristici tra il governo dell’Azerbaijan e l’Italia nella costruzione del gasdotto Tap (Trans Adriatic Pipeline, un gasdotto che collegherà l'Italia e la Grecia passando per l'Albania, consentendo l'afflusso di gas naturale proveniente dal Medio Oriente, dal Caucaso e dall'area del Mar Caspio) col suo giro di appalti e profitti miliardari e lo scempio ambientale che esso comporta in Salento nella terra degli ulivi”.
“Qualsiasi denuncia giornalistica - proseguono - per quanto coraggiosa, risulta impotente se non trova orecchie disponibili ad ascoltarla e persone pronte ad attivarsi e a trarne le opportune conseguenze. Il premier maltese Muscat, costretto alle dimissioni durante il suo mandato di guida europea, proprio a seguito dello scandalo che lo ha riguardato direttamente, afferma in modo scontato che 'nessuna rivalità giustifica una morte del genere', ma questa sua dichiarazione risuona tardiva e insufficiente”. Nella nota si evidenzia poi come la giornalista Caruana Galizia, sull’Espresso e suo blog, producendo una grande quantità di prove documentali, aveva scoperchiato l’enorme flusso di denaro utilizzato per condizionare le scelte europee, (ad esempio, pagando tangenti ad europarlamentari affinché chiudessero un occhio sulle violazioni dei diritti umani in Azerrbaijan) tra i vertici dello stato azero e quelli dei paesi europei come Malta.
“Questo stato di cose - conclude la nota - ci indigna profondamente sia come cittadini europei che come associazioni autonome impegnate a favorire il rispetto della legalità e dei diritti democratici, tra i quali quello della tutela della libera informazione. Pertanto chiediamo all’Europa d’istituire una commissione d’inchiesta che chiarisca e vigili sulle indagini che si stanno svolgendo a Malta su questo orribile atto eversivo. Chiediamo al Governo italiano di far intervenire la commissione anticorruzione perchè valuti il risultato delle inchieste della Caruana Galizia sulla Tap, e nelle more, di bloccare i lavori Tap in salento. Chiediamo ai liberi movimenti di tutte le città italiane di svolgere analoghe manifestazioni per far sentire alto e forte il richiamo alla tutela dei giornalisti esposti nelle inchieste anticorruzione e antimafia, per fare chiarezza in tempi rapidi sul brutale omicidio della giornalista Caruana Galizia”.
Tra i firmtati della nota il Movimento Agende Rosse – Gruppo “F. Morvillo” di Catania, Fondazione “La città invisibile”.
Aderiscono alla manifestazione: Associazione “Antimafia e Legalità”, il Comitato “Angelo Niceta”.
I giornalisti e le testate: Luciano Mirone (L’informazione.eu), Pier Luigi Di Rosa (Sudpress), Sicilia Network, Nicola Borzi (Il Sole 24 Ore), AntimafiaDuemila, Marco Benanti (Le iene sicule).

ARTICOLI CORRELATI

Arriva lunedì dall’Italia la Commissione Antimafia. Duro intervento del Senatore Giarrusso



Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa