Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Ripartire da Michele, con i suoi diritti e le sue reali esigenze

Di la tua | AntimafiaDuemila

Ripartire da Michele, con i suoi diritti e le sue reali esigenze

viadamelio2014 orc falconeborsellinodi Alfia Milazzo*
Abbiamo fatto e stiamo facendo tutto il possibile per impedire al piccolo Michele di entrare in comunità. Ma lunedì sarà dentro.
Dico "dentro" perché è in una prigione senza aver compiuto un reato che stanno per introdurre un bambino di 10 anni.
I servizi sociali e la scuola vogliono così risolvere un problema: un bambino troppo intelligente che data la sua sfortunata vita familiare invece di ammalarsi, mostra un po' di irrequietezza. Ma la madre lo cura e lo ama. Farebbe di tutto per lui. Il padre è finito in carcere perché ha cercato dappertutto un lavoro onesto e non avendo nessun aiuto ha scelto di tenere in casa la marijuana. Cosa deplorevole intendiamoci. È peró vero e lo posso testimoniare, che lui ha provato ogni strada. Vendeva al mercato delle pulci ninnoli e roba usata. Ha chiesto pure a noi dei vestiti perché non sapeva come coprirsi dal freddo.
Quanti bambini ho conosciuto in questi anni girando per le scuole, realmente in pericolo senza che nessuno intervenisse: né la scuola, né i servizi sociali. Bambini coinvolti nella prostituzione, nella delinquenza, persino testimoni di omicidi, bambini abusati, abbandonati, maltrattati.
In tutti questi casi e vi assicuro sono tantissimi, nessuna istituzione è intervenuta. Noi abbiamo detto, denunciato, sofferto accanto ai piccoli, abbiamo protetto, ma poi ce li fanno sparire da sotto gli occhi e niente possiamo più.
Del piccolo Michele i servizi sociali hanno dichiarato che è in ritardo nell'apprendimento scolastico. Ma se Michele ha qualche minima difficoltà, questa è assai minima rispetto alla dilagante e devastante ignoranza dei bambini di tanti quartieri a rischio. E non parlo delle scuole ma della scuola in generale. È ormai l'istituzione per annientare la cultura e sostituirla con l'ammaestramento cieco.
Michele studia da noi percussioni. In pochi mesi ha raggiunto livelli superiori alla media. In due lezioni ha imparato a suonare due brani con il violino. Sta leggendo il romanzo I ragazzi della via Paal, conosce la tabellina e ha un alto senso dell'amicizia e del rispetto degli affetti. Con noi e da noi è un bambino eccezionale.
E ora lo vogliono mettere in una comunità.
Sapete quando versa il comune di Catania alle comunità per ogni bambino internato?
Tenetevi: circa 80 euro al giorno!!!! 2400 euro al mese. 28800 all'anno.
E anzi sono pochi rispetto a comuni di altre regioni.
Ma ora chiedo: perché il Comune è disponibile a dare 28 800 euro all'anno a una comunità e non è stato disposto ad aiutare i genitori del bambino, magari con un lavoro retribuito impedendo al padre di delinquere e offrendo al piccolo migliori opportunità di crescere?
Ve lo dico io perché anzi lo diceva già il giudice Scidà: perché è così che si tiene in iscacco un popolo. Favorendo la disperazione si crea maggiore quantità si disagio e quindi introiti ai privati per far finta di arginarlo. Si crea disperazione e bisogno per alleggerire i diritti e ampliare le clientele.
Tutto questo ci rende consapevoli dell'aberrazione di un sistema che da un lato intasca finanziamenti europei per aiutare i minori e dall'altro condanna gli stessi ad essere vittime di un controllo sociale che li stritola come carne da macello.
E noi siamo partiti da Michele e a Michele torniamo.
Basta con tutto questo ciarpame di retorica sulla legalità!
Basta con tutta questa falsità delle opinioni antimafia.
E tutte le sciocchezze politiche di cui ci imbottiscono abili imbonitori.
È da Michele e per Michele che bisogna partire e a Michele bisogna ritornare. Con i suoi diritti e le sue reali esigenze.

*Presidente fondazione “La Città invisibile” (Scuola di vita e orchestra “Falcone e Borsellino”)

Info:
fondazionelacittainvisibile.it

In foto: Via d'Amelio (Palermo). Alfia Milazzo e l'orchestra Falcone e Borsellino © Giorgio Barbagallo

ARTICOLI CORRELATI

Musica per crescere: presentazione de "La Città Invisibile"

Alfia Milazzo: salviamo i bambini con musica e poesia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta