Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi "Silencio": il docu-film di Bolzoni e Cappello al teatro Massimo - 11 Dicembre

Ci vediamo a...

"Silencio": il docu-film di Bolzoni e Cappello al teatro Massimo - 11 Dicembre

silencio-bolzoni-cappelloLa mafia dei due mondi: viaggio nei luoghi dove rischiano i cronisti
di Lirio Abbate - 11 dicembre 2014
Quando i narcos messicani ordinano "Silencio"
Ci sono giornalisti che vengono rapiti e fatti sparire. Altri vengono torturati e seviziati e il loro corpo abbandonato nel deserto del Messico come cibo per gli sciacalli. Uccisi solo perché informavano, solo perché facevano i giornalisti. Tutte queste vittime, che sono decine ogni anno, avevano in comune la passione per le notizie. Come quella che avevano i nove giornalisti siciliani uccisi dalla mafia, e come ce l’hanno i tanti cronisti calabresi vittime di intimidazioni e minacce. Perché la Calabria somiglia molto al Messico. E questa somiglianza, queste sovrapposizioni e tragedie emergono nel film documentario “Silencio” di Attilio Bolzoni e Massimo Cappello, prodotto dall’Associazione stampa romana e dalla Fondazione Musica per Roma, con il sostegno di Sky e la collaborazione di Repubblica, che viene presentato alle 20,30 al Teatro Massimo.

Attilio Bolzoni è riuscito a far da collante fra queste due realtà, geograficamente distanti, ma vicini per mentalità criminale. E così ne è nato un viaggio in un luogo del mondo dove la vita di un giornalista vale meno di niente. E in questo documentario i protagonisti sono loro, i reporteros. Le immagini ci portano in questo luogo dove si respira la morte, ma anche la passione che hanno per le notizie. E scopriamo che ad ammazzarli sono i narcos ma soprattutto li ammazza il potere. Trafficanti e governatori che fanno affari insieme, militari corrotti, pubblici ufficiali assassini, stragi di mafia e stragi di Stato che si confondono nel sangue. L’ultima appena due mesi fa nel Guerrero, 43 ragazzi rapiti, uccisi e bruciati da mafiosi con la complicità della polizia e su mandato di un sindaco che nel suo pueblo viveva come un re.
Ne hanno uccisi ottanta di giornalisti in Messico negli ultimi quattordici anni. E altri sedici sono scomparsi.
Le immagini di questo documentario partono dal Messico dove Attilio Bolzoni attraversa le strade deserte del Tamaulipas incompagniadiungrande reporte-ro che si chiama Diego Enrique Osorno. Si incontrano sulla carretera nacional 54, la strada più carogna di questo Paese. Diego è uno dei grandi talenti del “nuevo periodismo latino americano”, autore di best seller pubblicati in tutto il mondo. Lui e gli altri giornalisti messicani (i vivi e i morti) sono i protagonisti di questo film documentario che ci conduce da Città del Messico ai confini violenti con il Texas e dai gironi infernali di Veracruz fino alle spiagge bianche della Riviera Maya, dove tutto deve sembrare quieto, tranquillo, divertente. Dove è sempre festa ed è sempre vacanza. Dove i cartelli della droga messicani fanno commercio con camorristi napoletani e soprattutto con calabresi che riciclano i proventi della cocaina nel lusso di Cancun o a Playa del Carmen, una Little Italy - lì vivono almeno ventimila nostri connazionali - con tanti ristoranti bar, pizzerie e gelaterie di italiani perbene e poi “loro”, i boss che comprano tutto in contanti.
Gli autori seguendo questo filo geografico- criminale “precipitano”, come dicono loro, nella parte più “messicana” del nostro Paese: in Calabria. Qui vivono decine di cronisti che sono corrispondenti di guerra a casa loro. E con questi giornalisti calabresi gli autori parlano, viaggiano nella locride, attraversano campagne e paesini dove si annida la ‘ndrangheta. Raccontano la storia di Michele Albanese, di Giuseppe Baldessarro, di Giovanni Tizian. I luoghi che frequentano o che sono simbolo di rinascita o rivoluzione. Di pace e di morte. E qui il viaggio si anima, fra giornalisti intimiditi dai clan e i preti che resistono ai boss. E ci sono anche quelli che non resistono. Le città massacrate e rovinate dalla criminalità organizzata e l’impegno quotidiano di informare. Raccontare, anche a costo di mettere in pericolo la propria vita, quello che accade in Calabria. Come in Messico. Il lavoro di Attilio e Massimo ci porta a riflettere sulla realtà dei nostri tempi. Ma soprattutto sulla nostra professione. E accende i riflettori su due realtà pericolose dove i giornalisti non possono essere abbandonati a loro stessi. Perché è importante conoscere colleghi non solo come Albanese, Baldessarro e Tizian. Ma anche Diego Osorno, Anabel Hernàndez, portavoce di chi considera insufficienti le politiche adottate dal governo contro i narcos, che descrive in un libro la storia definitiva dei cartelli messicani della droga. È una delle più importanti giornaliste messicane e racconta senza censure come il Messico sia diventato negli anni la base dei cartelli della droga in tutto il Sudamerica, anche grazie ai contatti con il governo e alle infiltrazioni nell’ambiente politico. A causa delle verità che ha riportato nei suoi libri e sulle cronache dei quotidiani con i quali collabora, è costretta a vivere sotto scorta per via delle numerose minacce di morte ricevute. Accanto a lei c’è anche Jorge Carrasco e tutti gli altri colleghi messicani, sconosciuti e poco famosi, che hanno la passione per le notizie e sono diventati ribelli per continuare a fare i giornalisti.

Tratto da: La Repubblica - Palermo dell'11 dicembre 2014


Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa