Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Napolitano dovrà rispondere sui rischi di attentato del '93

Processo trattativa Stato-Mafia

Napolitano dovrà rispondere sui rischi di attentato del '93

giorgio-napolitano-bnLa difesa di Riina potrà fare domande. Ma il Capo dello Stato potrà ancora revocare la disponibilità a testimoniare
di Aaron Pettinari - 24 ottobre 2014 - Audio
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, all'udienza del prossimo 28 ottobre, dovrà rispondere alle domande dell'avvocato Luca Cianferoni, difensore del capomafia corleonese Totò Riina, sui rischi di attentato subiti dall’allora Presidente della Camera nell’agosto del ’93, in piena stagione stragista, salvo che Napolitano “decida di non essere più disponibile”. La testimonianza del Capo dello Stato torna nuovamente in bilico dopo l'ordinanza del Presidente della Corte Alfredo Montalto. Una volta stabilita l'acquisizione dei nuovi documenti (la nota del comando generale dei carabinieri del 20 giugno 1992 al Sismi in cui si partecipano le preoccupazioni per la vita di esponenti politici e del dottor Borsellino, l'informativa del Sismi datata 29 luglio 1993 sui possibili attentati a Giorgio Napolitano e Spadolini e la successiva del 20 agosto 1993 dove si parla di ulteriori stragi ad opera di soggetti corleonesi in contatto con politici massoni, ndr), il Presidente della Corte ha dato risposte sulla testimonianza del Presidente della Repubblica richiesta proprio da Cianferoni.

Una richiesta ammissibile in quanto rispetto alla nuova documentazione “non è manifestatamente superflua o irrilevante poiché si riferisce a fatti strettamente connessi a vicende già oggetto di ricostruzione nell'ambito della istruzione dibattimentale in corso”. Inoltre, scrive la Corte, “la nuova testimonianza del Presidente della Repubblica non incorre in alcuno dei limiti ricavabili dalla sentenza della Corte Costituzionale del 4 dicembre 2012 (quella che risolse il conflitto di attribuzioni tra il Colle e la Procura di Palermo, riconoscendo una serie di prerogative al capo dello Stato, ndr) poiché l'articolato di prova ha ad oggetto fatti e conoscenze del teste esclusivamente riconducibili ad epoca di gran lunga pregressa (anni1993-1994) all'assunzione della carica”. Limiti che invece potrebbero arrivare alle domande se il capo dello Stato avesse appreso di quelle minacce durante il suo incarico al Colle, “anche per attività informali”, precisa la corte.
Nonostante l'ammissione della richiesta dell'avvocato di Riina nell'ordinanza si precisa che, proprio per le prerogative costituzionali di cui gode il presidente della Repubblica, la sua deposizione “non può prescindere dalla disponibilità del capo dello Stato, che può essere negata o concessa ed anche successivamente e in qualunque momento, revocata e la corte non potrà che prenderne atto”.
Ciò significa che fino all'ultimo Giorgio Napolitano potrà decidere di non rispondere alle domande. Ed a quel punto si chiuderebbe definitivamente il capitolo della testimonianza del Capo dello Stato dando una nuovo schiaffo al processo dopo la distruzione delle telefonate che lo hanno visto a colloquio con l'imputato ed ex Ministro degli Interni, Nicola Mancino. Se così sarà né i pm, né i giudici avrebbero gli strumenti tecnico giuridici per imporgli la testimonianza.

La “bacchettata” all'Avvocatura dello Stato

Nell'ordinanza, poi, è evidente anche una “bacchettata” all’Avvocatura dello Stato che giovedì si era opposta con forza all’esame di Napolitano da parte dell’avvocato Cianferoni. La Corte ha sottolineato che “non è dato rinvenire nel codice di rito un ‘diritto’ del testimone di conoscere, prima di essere citato, le circostanze sulle quali dovrà essere sentito e di richiedere, quindi, di essere sentito solo ed esclusivamente su quelle”.

Alla stampa accesso negato?
All'udienza odierna c'era attesa per le comunicazioni presidenziali sulla richiesta presentata dall'Ordine dei giornalisti di Sicilia, relativa alla possibilità, per i cronisti di tutte le testate, di seguire la deposizione del Capo dello Stato.
La Corte d'Assise aveva dato il proprio “nulla osta, fatte salve le determinazioni della Presidenza della Repubblica, alla chiesta realizzazione di un collegamento video e/o audio tra la sala nella quale sarà assunta la testimonianza ed una postazione esterna riservata alla stampa”. All'udienza di oggi però si è appreso che al Quirinale né pm né avvocati potranno entrare nella sala destinata all'assunzione della testimonianza con “apparecchi cellulari, computer, e più in generale strumenti di registrazione”. Sarà possibile, invece, procedere alla registrazione ordinaria dell'udienza a cura, secondo quanto si apprende, di tecnici del Quirinale. La comunicazione del Colle implicitamente esclude la effettuazione di un collegamento dei giornalisti, anche in videoconferenza, con la sala in cui avverrà la deposizione e anche l'ingresso di tecnici esterni che possano registrare quanto accade durante il corso della testimonianza. Rumors parlano di una lettera giunta proprio dal Quirinale alla Corte in risposta alla richiesta dell'Ordine dei Giornalisti Sicilia, ma di questa non è stata data lettura in aula. Al tempo stesso resta però valida la precedente ordinanza di Montalto in cui era garantita la pubblicità del processo. Secondo le indiscrezioni la stampa verrà informata di quanto avvenuto solo in un secondo momento, anche se ancora non sono chiarite le modalità, con la trascrizione dell'udienza che verrà comunque operata dai tecnici del Colle.

AUDIO
20141024-proc-trattativa

DOSSIER
Processo trattativa Stato-mafia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa