Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo 'Ndrangheta stragista In un memoriale Lo Giudice conferma il patto Cosa nostra-'Ndrangheta per le stragi

Processo 'Ndrangheta stragista

In un memoriale Lo Giudice conferma il patto Cosa nostra-'Ndrangheta per le stragi

filippone gravianoE' tra gli atti del processo 'Ndrangheta stragista
di AMDuemila
Riprenderà il prossimo 24 settembre il processo "'Ndrangheta stragista" che vede imputati il boss di Brancaccio Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone, ritenuto all'epoca capo mandamento della 'Ndrangheta reggina, entrambi sotto accusa per gli attentati ai Carabinieri (tra cui gli omicidi degli appuntati Antonino Fava e Vincenzo Garofalo, uccisi a Scilla il 18 gennaio 1994) inseriti nel contesto stragista proprio per imporre i progetti della cupola calabrese-siciliana e ricattare lo Stato. Agli atti del processo, secondo quanto raccontato oggi da Lucio Musolino su Il Fatto Quotidiano, vi è anche uno stralcio di un memoriale scritto dal collaboratore di giustizia Nino Lo Giudice, consegnato nel giugno 2017 al procuratore aggiunto di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo. Un documento in cui il "Nano" (così è chiamato anche il pentito) mette nero su bianco i contorni di una vicenda che fino ad oggi era rimasta oscura, dedicando un intero capitolo dal titolo piuttosto esplicativo: “Gli accordi con i siciliani e reggini. Gli attentati ai carabinieri”.
Lo ha scritto in un computer, mentre si trovava in carcere, chiamando il file "L'innominabile" ed una volta concluso ha immediatamente avvertito gli inquirenti.
“Ho finalmente completato il memoriale. - ha detto Lo Giudice - Ho riepilogato tutti i fatti a mia conoscenza, anche quelli già dichiarati a verbale. Ho inserito anche ulteriori fatti di particolare rilievo di cui non avevo ancora parlato nel corso degli interrogatori”.
Lo Giudice conferma gli accordi tra Cosa nostra e 'Ndrangheta ed in particolare il ruolo avuto di Giuseppe Graviano per conto dei due boss cortonesi Totò Riina e Bernardo Provenzano. Il capomafia di Brancaccio si sarebbe incontrato nei primi anni Novanta con il boss Giuseppe De Stefano in Calabria per concordare una strategia comune contro lo Stato.
E di questi fatti Lo Giudice aggiunge di aver parlato con Giuseppe Villani, il padre del collaboratore di giustizia Consolato Villani, già condannato proprio per essere stato uno dei killer dei due carabinieri.
"Giuseppe Villani - scrive il pentito nel memoriale - in più occasioni mi narrò che, quando erano rientrati a Reggio, avevano intrapreso a trafficare con armi e droga. Avevano legato con alcune persone facendomi il nome di tale Rocco Filippone di Oppido Mamertina.
Costui era il cognato di Santo Calabrò di Ravagnese, compare di Giovanni Tegano (il boss di Archi, ndr) e Nino Latella. Mi disse che aveva creato un gruppetto di giovani che operavano liberamente per conto suo e della famiglia Calabrò, inclusi alcuni componenti della stessa famiglia Calabrò, dei Quattrone e di un certo Ecelestino di Ravagnese (un quartiere di Reggio Calabria, ndr). Tutti quanti coinvolti negli attentati contro i carabinieri”.
Non solo. Lo Giudice racconta che Villani gli parlò di una riunione, fuori Reggio Calabria, proprio in presenza dei siciliani. Non mancano gli "omissis" inseriti dal pm nel documento depositato, ma vi sono i nomi anche di altre famiglie che sarebbero state interessate alla strategia stragista, ovvero i "Tegano, Condello, Latella, Ficara, Serraino e Imerti”.
E per conto di Cosa nostra vi erano "Giuseppe e Filippo Graviano. Il De Stefano prese accordi per le spedizioni omicidiali contro lo Stato sigillando la sua (loro) disponibilità di appoggi e di finanziare tutta l’operazione”. Inoltre, secondo Lo Giudice, "il De Stefano disse ai Graviano che, nessuno doveva venire a conoscenza del suo coinvolgimento e che le azioni dovevano avvenire per mani di giovani che con loro non avevano nessun legame per non restare ‘ancorati’ in qualche eventuale pentito. Neanche i più intimi”.
Una testimonianza importante che offre nuovi spunti di indagine per individuare altre responsabilità sul terribile biennio delle stragi.

Dossier Processo 'Ndrangheta stragista

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa