Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier La Trattativa La trattativa - 6° parte - "La trattativa"

La Trattativa

La trattativa - 6° parte - "La trattativa"

Il nuovo libro di Maurizio Torrealta
a cura di Anna Petrozzi e Lorenzo Baldo





«(...) Sotto questi aspetti vanno dette senz’altro alcune parole non equivoche: l’iniziativa del Ros (perché di questo organismo si parla, posto che vide coinvolto un capitano, un vicecomandante e lo stesso comandante del Reparto) aveva tutte le caratteristiche per apparire come una «trattativa»; l’effetto che ebbe sui capi mafiosi fu quello di convincerli, definitivamente, che la strage era idonea a portare vantaggi all’organizzazione (trattativa Ciancimino, nda.)
(...) C’è accordo quindi, su quello che è veramente rilevante: esistenza e sviluppo temporale della trattativa; soggetti che la portarono avanti. Tutti gli altri passaggi (per giungere alle stragi) sono desumibili in via logica e non vanno cercati nelle parole di nessun teste o collaboratore (trattativa Bellini, nda.» (...)

Parte da queste inquietanti considerazioni scritte dai giudici di Firenze nella motivazione della sentenza al processo per le stragi del ‘93 il nuovo libro di Maurizio Torrealta intitolato appunto «La trattativa» (Editori Riuniti Euro 16). Trattativa quindi ci fu e Cosa Nostra non fu sola nell’ideazione della strategia stragista.
Torrealta, oggi vicedirettore di Rainews24, ripercorre tutte le tappe che hanno caratterizzato la stagione stragista a partire dalle lettere di Elio Ciolini - losco individuo infiltrato in diversi ambienti, che, proprio quattro giorni prima dell’omicidio Lima, inviò al giudice bolognese Leonardo Grassi una lettera in cui prefigurava l’avvento di un oscuro piano posto in atto per destabilizzare il paese - fino all’attentato a Totuccio Contorno.
«Nuova strategia della tensione in Italia - periodo: marzo-luglio 1992». «Nel periodo marzo-luglio di quest’anno avverranno fatti intesi a destabilizzare l’ordine pubblico come esplosioni dinamitarde intese a colpire quelle persone ‘comuni’ in luoghi pubblici, sequestro ed eventuale ‘omicidio’ di esponente politico...»
Una precisione a dir poco incredibile. A suo dire  Ciolini apprese di questa strategia durante una misteriosa riunione che avvenne a Zagabria nel settembre del 1991 «nel quadro di un riordinamento politico della destra europea e in Italia... inteso ad un nuovo ‘ordine generale’ con i relativi vantaggi economico-finanziari (già in corso) dei responsabili di questo nuovo ordine deviato massonico politico culturale, attualmente basato sulla commercializzazione degli stupefacenti...».
Ciolini indicò poi la matrice che definì «masso-politico-mafia».
Non fu l’unico a prevedere eventi futuri.
L’autore infatti pone in rilievo anche le dichiarazioni dell’onorevole Vittorio Sbardella, andreottiano vicinissimo a Lima, che farà profezie ancora più misteriose.
Il copioso testo (si snoda lungo la proposta fedele delle dichiarazioni dei vari collaboratori di giustizia interrogati nel corso dei processi per le stragi ed esamina attentamente tutti i passaggi delle trattative tra Bellini e il Ros, Ciancimino e il Ros, Salvatore Riina e «le persone importanti».
Una dettagliata inchiesta giornalistica basata su documenti processuali che delineano la fitta rete di quei sistemi criminali  in cui vengono a convergere le consorterie mafiose più potenti in Italia e occulti centri di potere.
Lasciamo però a Maurizio Torrealta stesso il compito di condurci nelle trame della sua nuova opera dalla quale parte per rispondere alle nostre domande.

ANTIMAFIADuemila N°23 giugno 2002

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa