Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

20211121 lodato atlantide timecode

Nella puntata di Atlantide andata in onda su La7 lo scorso 14 novembre, esattamente una settimana fa, il conduttore Andrea Purgatori aveva affrontato, insieme ai suoi ospiti Nino Di Matteo e Saverio Lodato, una lunga lista di temi cruciali sull’attuale status del sistema giustizia in Italia e sui principali nodi che tuttora riguardano il mondo antimafia. Tra questi, un tema di grande rilievo che intendiamo riproporre all’attenzione dei nostri lettori è quello della latitanza pluridecennale di Matteo Messina Denaro. Il giornalista e scrittore Saverio Lodato, editorialista di questa testata, aveva offerto al pubblico da casa una lettura interessante sulla sua figura di introvabile uomo custode di segreti inconfessabili. “Si dice che Matteo Messina Denaro sia depositario dei documenti di Totò Riina, presi dalla villa che non fu perquisita. Ma a quei documenti mai trovati si sono aggiunti i successivi. Perché la storia è andata avanti per trent'anni ed è ancora oggi latitante”, aveva affermato Lodato. “Lui è il depositario di tutti i segreti della recente stagione stragista italiana a cavallo di Capaci e via d'Amelio e delle stragi del 1993 di Roma, Firenze e Milano”, aveva aggiunto. “Ci sono sempre personaggi che sono in grado di traghettare l'organizzazione mafiosa in quelle situazioni in cui tutto sembra definitivamente perduto”. “Quante volte si pensava che la sconfitta della mafia fosse dietro l'angolo? E invece c'è sempre un latitante. E una volta che verrà preso Messina Denaro ci sarà qualcuno che ne avrà preso il posto".


i nemici della giustizia cop 2


Sul punto, ovvero sulla mancata cattura della “primula rossa”, Lodato ritiene sia “impensabile al giorno d'oggi che possa mantenersi una latitanza del genere in assenza di complicità rispetto alla mafia da parte di apparati delle istituzioni dello Stato, di alti vertici delle polizie e delle armi che ci sono in questo Paese”. Secondo il giornalista e scrittore, Matteo Messina Denaronon è in Sicilia, anche se molti ritengono che lui non si allontani dal suo territorio nel trapanese. Ci sono state tante operazioni, hanno fatto terra bruciata attorno, colpendo parenti, amici, compagni”, aveva spiegato in studio Lodato. “Magari può godere della protezione di qualche Stato straniero poco propenso a collaborare con l'Italia o con cui collabora qualche pezzo dell'Italia che ha sempre remato contro".

VIDEO Ascolta Saverio Lodato dal minuto: 3h 07' 10''

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

ARTICOLI CORRELATI

Atlantide, intervista a Saverio Lodato

Atlantide: tra ''cordate'' e ''correnti'', Nino Di Matteo denuncia i ''nemici della giustizia''


Nino Di Matteo racconta ''I nemici della giustizia'', domenica 14 novembre su Atlantide

I (tanti) nemici della giustizia

''I nemici della giustizia'', il libro di Nino Di Matteo e Saverio Lodato

Nino Di Matteo: ''Costituzione violata dalla legge Cartabia''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy