Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci eravamo permessi di consigliare qui, alla ministra della giustizia, Marta Cartabia, di ascoltare, in materia di reati di mafia, chi ne sa più di lei. Convinti come siamo che l'Italia disponga dei magistrati più preparati che ci sono in Europa, se non altro perché non esiste un altro paese costretto a fare i conti non con una, ma con più mafie, inclusa l’infinità di addentellati criminali che si portano dietro. Diciamo un’ovvietà.
E davamo quest ‘ovvio consiglio, visto il fuoco di sbarramento rispetto alla sua proposta di legge che non lasciava presagire nulla di buono.
La ministra ha scelto una strada diversa, mostrando buona dose di arroganza, se è vera la frase che le hanno attribuito alcuni giornali: “I magistrati sono contro la riforma? È la prova che si tratta di una buona riforma”. Roba da fare impallidire Maria Antonietta e le sue brioche.


il patto sporco 820 546

Concetto discutibile e di cattivo gusto.
Vedremo cosa verrà fuori domenica in Parlamento. Le premesse per il mostriciattolo ci sono tutte.
Il CSM ha detto la sua, a stragrande maggioranza. E ha parlato di una cattiva riforma, bocciandola quasi impietosamente.
Va detto, intanto, che lo spettacolo di una classe politica che si dilania proprio sulla parola Mafia la dice assai lunga sull’inadeguatezza rispetto a un argomento che dovrebbe essere invece pacifico, assodato, acquisito una volta per sempre, alla luce della storia d’Italia in questi decenni.
Non è così. E bene ha fatto Nino Di Matteo a smontare la favoletta del “ce lo chiede l'Europa”, come dovessimo barattare principi costituzionali e rifiuto delle mafie, in cambio di soldi a palate.


40 anni mafia lodato bb pb

L’Europa, a quel che se ne sa, non ci ha affatto chiesto di cercare il compromesso con le mafie. Questa, semmai, è tutta farina dei faccendieri che affollano il Parlamento italiano, e che hanno dato vita a questo estenuante e indecoroso gioco alla fune, che continua ancora oggi.
Francamente non capiamo la contentezza della ministra Cartabia. Toccava a lei, in prima persona, non transigere sulla mafia. Non lo ha fatto. Si è inevitabilmente ritrovata a dirigere il traffico fra troppi faccendieri. Perdendo così una grande occasione.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Foto © Imagoeconomica/Paolo Bassani

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy