Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

di Saverio Lodato
Non dimentichiamo da dove veniamo. Siamo quelli del 1992.
Quanti colleghi di Sebastiano Ardita, leggendo le sue parole che sembrano d’altri tempi, esplodendo in un'Italia che di quei tempi, quelli del '92, pare non voglia più sentire neanche l’odore, saranno arrossiti di vergogna.
Magari in solitudine, magari di nascosto; perché ogni singola parola di questo breve testo del magistrato Ardita, vanno a colpire dentro la sua categoria, laddove fanno più male: l'indifferenza indolente, l’abulia, la pigrizia mentale, il minimalismo cinico, lo scetticismo che tiene d’occhio gli scatti di carriera, l’equidistanza che fa dormire fra due guanciali.
Testo breve, dicevamo. Che se fosse stato più lungo, sarebbe scaduto in filippica di parte. E totalmente privo di rancore.
Ha fatto benissimo Giorgio Bongiovanni, ripescandolo dal profilo Facebook di Ardita, a dargli rilievo sulle pagine di ANTIMAFIADuemila.
Sebastiano Ardita ci racconta questi suoi ultimi sei anni a fianco di Nino Di Matteo.
Le solitudini.
Le paure.
L’essere costretti a difendersi da accuse inventate e ingiuste, dal fuoco amico, dalle lerce campagne di certa stampa che riceve ossigeno non dai lettori, ma semplicemente in forza del suo lavoro sporco.
Le parole di Ardita ci fanno capire quanto è successo dentro il Csm, la Casa Madre dei giudici italiani.
Come niente fosse scontato. Come tutto potesse precipitare da un momento all’altro. Come nessuno, neanche dentro la Casa Madre dei giudici, ti regala mai niente.
Dicevamo di chi, inevitabilmente, sarà arrossito, dopo avere in questi anni mostrato freddezza e disappunto verso colleghi come Ardita, Di Matteo e, per fortuna, anche tanti altri. Visti invece come esemplari punti di riferimento da centinaia e centinaia di giovani magistrati italiani capaci, in occasione delle votazioni Csm, di un gigantesco scatto d’ orgoglio dopo “lo scandalo Palamara”.
E la formula vincente, non vediamo altra morale della favola, ci sembra quella di far proprie le parole di Antonio Gramsci quando a proposito del fascismo scriveva: “Odio gli indifferenti”.
Perché se si fosse data via libera agli “indifferenti” - e questo ci permettiamo di aggiungerlo noi - anche “i ragazzi del 1992” sarebbero stati inghiottiti nelle paludi di una magistratura che non sarebbe stata più figlia di nulla, e di nessuno.

???? Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

???? La rubrica di Saverio Lodato

???? Foto © Paolo Bassani

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy