Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La catastrofe era prevedibile, era già stata annunciata a più riprese da personaggi come Giulietto Chiesa, che da anni sostenevano che il modello socio-economico capitalista, per la strada che aveva imboccato a partire soprattutto dagli anni ’80, non poteva durare. E la catastrofe sta arrivando. Anzi, la catastrofe è arrivata. Ed essa è la logica conseguenza delle distorsioni della pratica principale su cui è basato il sistema economico nel quale siamo immersi: la produzione di denaro in quantità potenzialmente illimitate.
Le leggi della fisica, ma potremmo tranquillamente dire anche la semplice logica, ci fa arrivare ad una sola conclusione: in un sistema finito di risorse, un sistema economico spinto alla crescita infinita non è sostenibile. 

La rubrica "L'angolo di Piras"

ARTICOLI CORRELATI

La guerra imperversa

Il suicidio del pareggio in bilancio in Costituzione

L'Ucraina non è un paese democratico

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy