Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mentre giungono nuovi aiuti sia militari che economici all’Ucraina da parte degli Stati Uniti, seguono a ruota gli Alleati europei, tra cui l’Italia. La Germania, che in un primo momento sembrava stesse facendo passi indietro nel sostegno al Paese, sembra magicamente averci ripensato, inviando carri armati allo stato ucraino.
Dal punto di vista diplomatico siamo sull’orlo del baratro: Zelensky, preso da follie di vario genere e tipo, si è convinto di riconquistare il Donbass, mentre dalla TV russa ci fanno sapere senza mezzi termini che la terza guerra mondiale è iniziata ufficialmente. Il tutto mentre industria bellica, finanza internazionale, criminalità organizzate festeggiano sulle vite di milioni, miliardi di persone, ormai condannate alla catastrofe.

La rubrica "L'angolo di Piras"

ARTICOLI CORRELATI

Il suicidio del pareggio in bilancio in Costituzione

L'Ucraina non è un paese democratico

I pacificatori e i guerrafondai

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy