Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Esattamente 10 anni fa, il 17 aprile 2012, il Senato, con 235 voti favorevoli, 11 contrari e 34 astensioni approvò definitivamente il DDL che introdusse il principio del pareggio di bilancio in Costituzione. Trattandosi di un provvedimento di revisione costituzionale, come previsto dall’articolo 138 della Costituzione sono state necessarie due deliberazioni da parte di ognuno dei due rami del Parlamento; essendo stato approvato, nella seconda votazione da ciascuna delle Camere, a maggioranza di due terzi dei componenti, non si è fatto luogo a referendum.
In questo video cerchiamo di comprendere le distorsioni tecnico-economiche del pareggio di bilancio, e degli effetti che ha sull’intera collettività.

La rubrica "L'angolo di Piras"

ARTICOLI CORRELATI

L'Ucraina non è un paese democratico

I pacificatori e i guerrafondai

La Costituzione tradita e il fallimento del M5s

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy