Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Onore e gloria al nostro martire caduto

Il 16 ottobre 2014 veniva a mancare un giornalista tenace, un professionista, un amante della libertà, un amico e collega della nostra redazione: Pablo Medina. Corrispondente di ABC Color, Medina si occupava di denunciare il narcostato che, oltre ad aver soffocato la sua terra, il Paraguay, gli aveva tolto con la violenza alcuni fratelli. Articoli, inchieste, reportage di Medina erano diventati una spina nel fianco per quel sistema di potere criminale che allora e tuttora governa il Paese sudamericano, uno dei più poveri e istituzionalmente corrotti del continente. Per il suo lavoro preziosissimo di servizio pubblico Medina venne assassinato brutalmente 7 anni fa insieme alla sua giovane collaboratrice Antonia Almada che di anni ne aveva solo 19.


medina pablo assassinio interna 820

A sparare furono Wilson Acosta Marques e Flavio Acosta Riveros.
A commissionare l’assassinio del giornalista, ucciso sotto i colpi a bruciapelo di una calibro 9 mm, è stato Vilmar “Neneco” Acosta, politico del ‘partito Colorado’, ripetutamente denunciato dal giornalista, come uomo vicino al narcotraffico della zona e coinvolto in altri delitti. Acosta è stato condannato a 30 anni più 9 di carcere che sta scontando presso il Penitenziario Nazionale di Tacumbú.


almada antonia

Deve ancora svolgersi il processo contro uno dei sicari, Flavio Acosta, detenuto in Brasile (fu chiesta l'estradizione ma è stata negata in quanto cittadino brasiliano, ndr) per cui si aspetta comunque un processo per la morte del giornalista come è auspicabile che sia processato Wilson Acosta, l'altro killer, anch'egli arrestato in Brasile a maggio 2020. Nel mentre, quest’oggi ad Asunciòn si terranno iniziative in memoria di Pablo e Antonia organizzate dal movimento Our Voice e da Antimafia Dos Mil. Sempre per ricordare Pablo Medina e il suo esempio riproponiamo di seguito un articolo del direttore di ANTIMAFIADuemila Giorgio Bongiovanni. Un tributo a un compagno caduto nella lotta per la libertà dalla morsa dei sistemi criminali.



Onorando un amico, il giornalista Pablo Medina assassinato dalla Mafia

di Giorgio Bongiovanni - 16 ottobre 2020

Oggi, nell'anniversario dell'assassinio, un Forum per ricordarlo

Un amico, un maestro di giornalismo, un compagno di battaglie. Ecco chi era per me Pablo Medina. Ho ben nitido il suo sguardo, il suo sorriso, il suo occhio da investigatore d'altri tempi, con la macchina fotografica sempre appresso per immortalare fatti e misfatti.
Nei suoi articoli sapeva sempre cogliere il dettaglio e non mancava mai di scrivere quello che era il suo pensiero contro i mafiosi, i narcotrafficanti ed i potenti di turno che con essi intrattenevano rapporti. Il 16 ottobre del 2014 è stato ucciso insieme alla sua giovane assistente Antonia Almada lungo una strada rurale di Villa Ygatimí, nel dipartimento di Canindeyú al confine con il Brasile. Oggi onoriamo quel sacrificio. Lo facciamo riproponendo il documentario sulla sua storia, ma anche tornando a gridare verità e giustizia.
A commissionare l’assassinio del giornalista, ucciso sotto i colpi di una calibro 9 mm, è stato Vilmar “Neneco” Acosta, politico del ‘partito Colorado’, ripetutamente denunciato dal giornalista Pablo Medina, corrispondente di ABC Color, come uomo vicino al narcotraffico della zona e coinvolto in altri delitti. Acosta è stato condannato a 30 anni più 9 di carcere che sta trascorrendo presso il Penitenziario Nazionale di Tacumbú.


Deve ancora svolgersi il processo contro uno dei sicari, Flavio Acosta, detenuto in Brasile (fu chiesta l'estradizione ma lo Stato l'ha negata in quanto cittadino brasiliano, ndr) per cui si aspetta comunque un processo per la morte di Pablo come è auspicabile che sia processato Wilson Acosta, l'altro killer, anch'egli arrestato in Brasile lo scorso maggio.
Ad oggi resta aperta un’indagine per ricercare i mandanti esterni dell’assassinio di Pablo perché, ne siamo certi, a commissionare l’omicidio di uno dei più famosi ed apprezzati giornalisti del Paraguay, non può essere stata solo la mafia.
Parleremo anche di questo nel primo Forum Internazionale "Pablo Medina" sul tema della Narcopolitica. Dal Paraguay all'Argentina, passando per l'Uruguay, il Messico, la Bolivia e la Colombia l'affare della droga non è proprio solo delle organizzazioni criminali. Pablo lo denunciava con forza. Ed oggi sarà approfondito il tema con la partecipazione di importanti relatori, in video collegamento con una diretta che inizierà dalle 16 italiane.
Partecipare è un dovere.

In foto: il direttore Bongiovanni insieme a Pablo Medina



ARTICOLI CORRELATI

Pablo Medina, morte di un giusto

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy