Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Giorgio Bongiovanni

Sembra davvero esserci un vento nuovo all'interno della magistratura. Per anni, nonostante i continui attacchi, le delegittimazioni, le minacce ripetute, le intimidazioni, e le condanne a morte ricevute dal magistrato palermitano Nino Di Matteo, i più alti vertici istituzionali della magistratura, Anm e Csm, sono stati spesso silenti, con sporadiche espressioni di solidarietà.
Non questa volta. Con un comunicato la Giunta Esecutiva Centrale dell'ANM è intervenuta in maniera chiara e netta: "Le notizie di stampa su iniziative dei gruppi criminali dirette ad attentare alla vita del collega Nino Di Matteo - il cui impegno nel contrasto alla criminalità mafiosa lo espone da anni a seri pericoli per la sua incolumità - destano forte preoccupazione e pongono all'attenzione generale la questione delle mafie e della loro persistente vitalità nonostante gli sforzi sino ad oggi compiuti da magistratura e forze dell'ordine nell'attività repressiva". E poi ancora: "Molto è stato fatto ma il fenomeno criminale è tutt'altro che sconfitto. Gli inquietanti segnali che provengono dagli ambienti carcerari, e di cui ora si ha pubblica notizia, impongono un serio approfondimento della vicenda, anche e anzitutto sul piano della prevenzione. Nell'esprimere piena solidarietà e vicinanza al collega Nino Di Matteo, la Giunta confida che nulla sarà tralasciato dagli organi competenti per assicurarne la massima tutela".
Un momento storico importante, sicuramente, che dimostra come la stessa magistratura, capace di guardare al proprio interno ed estirpare le mele marce, da Palamara in giù, il vento sta cambiando.

Foto originale © Imagoeconomica


anm solidarieta anm 20210626

ARTICOLI CORRELATI

''Ammazzano Di Matteo'', nelle parole del boss Bellocco torna l'allarme per il magistrato

Solidarietà a Nino Di Matteo da Sebastiano Ardita

La solidarietà a Nino Di Matteo del compianto Giulietto Chiesa

Attentato a Di Matteo, Borrometi: ''C'è ancora chi fa finta di non capire''

Le Agende Rosse accanto a Nino Di Matteo

Fondazione Caponnetto: ''Mafia non dimentica. Solidarietà a Di Matteo''

Morra: per Di Matteo sentenza di morte dalla mafia ma politica pensa ad altro

Attentato a Di Matteo: chi e perché vuole uccidere il pm di Palermo

Attentato a Di Matteo, indagine in archivio ma progetto ancora in atto

Meglio tardi che mai. Nino Di Matteo reintegrato nel pool stragi

Attentato Di Matteo, Ardita: ''Nuovo pentito rappresenta riscontro strategia stragista''


Cercate bene l'esplosivo destinato a Nino Di Matteo, troverete Matteo Messina Denaro - di Saverio Lodato

Attentato Di Matteo: solidarietà al magistrato dal plenum CSM

Schizofrenia istituzionale. ''Bene il reintegro di Di Matteo, ma de Raho spieghi motivi allontanamento'' - di Salvatore Borsellino

Attentato a Di Matteo: dai Galatolo l’ordine di uccidere

Allarme attentato, tra Roma e Palermo, con Di Matteo nel mirino

Attentato a Di Matteo: dai Galatolo l’ordine di uccidere

Si pente Galatolo, boss dell’Acquasanta: contro Di Matteo non solo Cosa Nostra

Attentato a Di Matteo: chi e perché vuole uccidere il pm di Palermo

Le stragi della Mafia-Stato: il ''ruolo attivo'' di Messina Denaro

Un altro pentito conferma: ''C'è l'esplosivo per Di Matteo''

Processo trattativa, Vito Galatolo: “Su attentato Di Matteo apparati dello Stato dietro a Messina Denaro”

Da “Golem II” a “Perseo”, “Diabolik” guarda il capoluogo

Bongiovanni attacca la Mafia-Stato in una difesa storica al pm Di Matteo

Attentato a Di Matteo, indagine in archivio ma progetto ancora in atto

Via d'Amelio: Scarantino e quel depistaggio di Stato

La vera storia del giudice Di Matteo

Bongiovanni: ''Attentato a Di Matteo? Significa colpo di Stato''

Attentato a Di Matteo: perché lui, perché ora

Di Matteo alla Procura Nazionale antimafia, c'è il sì del Csm

Di Matteo alla Dna? Forse sì, anzi no, non ancora

Di Matteo rifiuta il trasferimento: ''Lasciare Palermo sarebbe una resa''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy