Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari
In corsa anche il pm Antonino Di Matteo

Si tiene tra oggi e domani la prima delle due elezioni suppletive con cui, entro l'inizio del nuovo anno, verranno coperte le poltrone rimaste vuote nel plenum a seguito della bufera scatenata su Palazzo dei Marescialli dal caso Palamara.
Novemila magistrati sono chiamati a eleggere i due pm che prenderanno il posto di Luigi Spina e Antonio Lepre, eletti in quota pm, che hanno lasciato il loro incarico dopo l'inchiesta.
Tra i sedici candidati vi è il sostituto procuratore nazionale antimafia Nino Di Matteo.
Già in altre occasioni ha dichiarato che la sua corsa al Csm è indipendente, che non si iscriverà mai a nessuna corrente. A sostenerlo nella candidatura vi è comunque la compagine di Piercamillo Davigo, Sebastiano Ardita, Autonomia&Indipendenza.
Lo scorso 15 settembre Di Matteo ha presentato il proprio programma all'Anm.
Altri candidati sono il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano, responsabile del procedimento a Marco Cappato che ha chiesto l'assoluzione dell'esponente dei Radicali in merito alla morte di dj Fabo. Gli altri nomi sul tappeto sono quelli di Anna Chiara Fasano, Grazia Errede, Simona Maisto, Gabriele Mazzotta, Alessandro Milita, Francesco De Tommasi, Lorenzo Lerario, Paola Cameran, Fabrizio Vanorio, Andrea Laurino, Antonio D'Amato, Francesco De Falco, Alessandro Crini e Anna Capena.
All’esito delle consultazioni elettorali, comunque, il Csm non sarà al completo: nuove suppletive, per sostituire l’ultimo dei togati che si sono autosospesi dopo il caos nomine, Paolo Criscuoli, giudice di merito di Magistratura Indipendente, si terranno l′8 e il 9 dicembre. L’unico dei non eletti, che avrebbero potuto sostituirlo, Bruno Giangiacomo di Area, infatti, ha rinunciato all’incarico perché su di lui pende un procedimento disciplinare. Entro la fine dell’anno sarà nominato anche il nuovo procuratore generale della Cassazione. Sarà il successore di Riccardo Fuzio, anche lui finito nello scandalo a seguito di un colloquio con Palamara intercettato nel corso dell'indagine. Solo a quel punto non ci saranno più sedie vacanti nella sala del plenum.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Di Matteo: ''Al Csm possibile dare una spallata al sistema invaso da un cancro''

I dinosauri del Sinedrio della magistratura non si arrendono

Nino Di Matteo si candida al Csm nella corrente di Davigo e Ardita

Di Matteo: ''Assordante silenzio della politica su mafia e stragi''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy