Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’amarezza del Procuratore Capo per l’assenza di leggi all’altezza di un fenomeno in costante evoluzione come la mafia

Il capo della Procura di Catanzaro Nicola Gratteri, un magistrato che conosce molto bene la differenza tra fumo e realtà, ai microfoni di Tg Zero per Radio Capital dichiara: “Non vogliamo gattopardi, né passerelle durante le celebrazioni di Falcone e Borsellino”. Palesemente amareggiato, interviene così il Procuratore Capo Gratteri per i trent’anni dalla strage di Capaci.
Un messaggio chiaro che indica come, a distanza di tanti anni dall’eccidio che squarciò un tratto dell’autostrada di Capaci e che strappò la vita a Giovanni FalconeFrancesca Morvillo,Antonio MontinaroRocco Dicillo e Vito Schifani, certe istituzioni, ancora oggi, trovano il coraggio ma non la tristezza di soffermarsi solo ed esclusivamente sulle apparenze. Nel descrivere il clima che si respirava all’epoca dei fatti, Gratteri racconta: “All'epoca non ci aspettavamo che Falcone sarebbe stato ucciso, anche perché era uscito dalla prima linea. Per Borsellino, invece, tutti immaginavamo che sarebbe successo”. Sottolineando poi l'inefficienza e l’inettitudine, si spera non voluta, delle istituzioni nell’affrontare adeguatamente il fenomeno mafioso, il procuratore capo aggiunge: “L'amarezza è che purtroppo la politica non sta facendo le riforme della giustizia che servono. Faccio un esempio: questo governo ha stanziato 28 milioni di euro, nel momento in cui non ci sono soldi, per costruire le case dell'amore per consentire ai detenuti di alta sicurezza di avere ogni mese la moglie, la fidanzata o l'amante in carcere, per stare con loro in una stanza 24 ore. Questa è l'emergenza del governo”.
Infine, parlando della mancata nomina per la direzione alla procura nazionale antimafia, Gratteri, con signorilità, reagisce preparandosi a rispondere con un sorriso: “Rido ora, perchè so che c'è un sacco di gente che mi vuole bene, mi basta l'affetto e la considerazione che la gente ha di me”.

Foto © Deb Photo

ARTICOLI CORRELATI

Trentennale stragi, Scarpinato: ''Italia incapace di affrontare la verità’'

Chi ha ucciso Giovanni Falcone

Di Matteo: ''Sulle stragi ricerca della verità non è priorità di tutti''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy