Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

«Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali, e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini…». Stamattina, alla cerimonia dei 30 anni dalla strage di Capaci, osserveremo i volti, ascolteremo i discorsi, e ci chiederemo se c'è risposta a queste parole che Giovanni Falcone pronunciò poco prima di quel maledetto 23 maggio 1992, quando Riina portò l'attacco al cuore dello Stato. Cosa resta delle sue tensioni morali? Su quali gambe hanno camminato le sue idee? Molto è cambiato. Ma non tutto. Al voto siciliano c'è un candidato di Cuffaro. Dell'Utri è tornato a sussurrare ai potenti. Toghe del calibro di Gratteri e Di Matteo manca poco che possano «andare in procura solo a fare pipì», come confessò una volta lo stesso Falcone. Mancano ancora frammenti di verità su quei terribili anni. Non solo Addaura e Capaci, anche via D'Amelio. Chi e perché inquinò l'indagine? Dov'è l'agenda rossa di Borsellino? Paolo, dopo i funerali di Falcone, disse alla sorella Maria «sto scoprendo cose che non immagini, altro che Tangentopoli». Misteri. Ma sarebbe un oltraggio a Giovanni, Francesca, Schifani, Dicillo e Montinaro pensare che il loro martirio sia stato vano. Al maxiprocesso sono stati inflitti 2.665 anni di carcere. Tanti boss, da Bagarella a Provenzano, sono finiti al 41-bis, non più all'Hotel Ucciardone. Ma molto resta da fare. Le mafie non mettono più bombe: controllano la finanza. Per questo ricordare Falcone resta un atto di resilienza civile, etica, politica. Scrive Saramago: noi siamo la memoria che abbiamo e la responsabilità che ci assumiamo. Senza memoria non esistiamo, senza responsabilità non meritiamo di esistere.

Tratto da: La Stampa

Foto © Shobha

ARTICOLI CORRELATI

''Uccisi, Traditi, Dimenticati'' - Palermo, 23 maggio


Trentennale stragi, Scarpinato: ''Italia incapace di affrontare la verità''

Strage del '92-'93, Scarpinato: ''Riina e Provenzano usati come braccio armato''

Chi ha ucciso Giovanni Falcone
di Giorgio Bongiovanni

Roberto Scarpinato, una vita in trincea tra depistaggi e stragi di Stato

Roberto Scarpinato e Teresa Principato, magistrati di un tempo che fu

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy