Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Il colpo inferto dalla 'squadra Stato', perché l'indagine ha visto la collaborazione anche dell'Arma dei carabinieri, è particolarmente significativo in un periodo come questo, in cui ci apprestiamo a celebrare il sacrificio dei giudici Falcone, Borsellino, Morvillo e i nostri colleghi che per tutelarli hanno perso la vita". Così il prefetto Francesco Messina, direttore centrale anticrimine, dopo il maxi blitz antimafia eseguito da polizia e carabinieri che ha portato all'arresto di 31 persone tra vertici, gregari e soldati del mandamento di Brancaccio. 
Per il capo del Dac l'organizzazione mafiosa, "pur permanendo la pericolosità, non ha più la struttura e la potenza militare, organizzativa, strategica che aveva 30 anni fa. E' una struttura che stiamo combattendo con grande efficacia". Tuttavia, avverte il prefetto Messina, non è possibile abbassare la guardia. "Non abbiamo esaurito la nostra attività. La guerra non è ancora finita, dobbiamo concludere un'attività di contenimento per poi pensare a una futura eradicazione. Credo che la Procura di Palermo e le forze dell'ordine, Polizia di Stato, Arma dei carabinieri, Guardia di finanza e Direzione investigativa antimafia hanno ormai un know-how e sono indirizzate nell'azione di contrasto che è piuttosto efficace", ha concluso Messina.  

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy