Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Inchieste
Editore: Castelvecchi
Pagine: 203
Prezzo: € 14,00
ISBN: 9788876153136

Anno: 2009

Visite: 1832

Recensione

Vi hanno raccontato che il problema della spazzatura a Napoli nonesiste più. Non è vero. Per mesi hanno parlato di "emergenza rifiuti"come un episodio improvviso e inatteso, ma basta guardare oltre isacchetti della munnezza per scoprire che la crisi dei rifiuti non èassolutamente un fenomeno locale né, tantomeno, un'emergenza. Sitratta, al contrario, di una crisi costruita a tavolino nell'arco divent'anni, con la complicità dei governi che si sono succeduti allaguida del Paese, ai danni di una delle regioni più belle e fertilid'Italia. Chi ci ha guadagnato, oltre alle cosche e a funzionaricorrotti, sono gli imprenditori italiani che hanno approfittato deiservizi della camorra per risparmiare sullo smaltimento dei rifiutitossici. E grazie ai forti sconti hanno potuto reggere la concorrenzadelle ben più virtuose e sorvegliate aziende europee. Questo libro,basato su un minuzioso lavoro di ricerca sul campo e su fontigiornalistiche e d'archivio, svela tutti i meccanismi del business deirifiuti in Italia, e spiega perché questa faccenda è convenuta a tutti,tranne a chi in Campania ci vive.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy