Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Inchieste
Editore: Garzanti
Pagine: 513
Prezzo: € 15.00
ISBN: 9788811597650
Anno: 2005

Visite: 1770

Recensione

Ignorato, cacciato o attaccato dai maggiori mass media del nostro paese, Marco Travaglio si è ugualmente guadagnato la fama di ottimo giornalista, libero e indipendente, documentato e aggressivo. Nei suoi articoli e nei suoi libri, segue con puntigliosa determinazione l’involuzione italiana. Da un lato tiene viva la memoria di un passato che i nostri potenti rimuovono e dimenticano con facilità sospetta, cambiando opinione e posizione con assoluta disinvoltura, nascondendo montagne di scheletri negli armadi, impermeabili al senso del ridicolo. Dall’altro resta tenacemente fedele ad alcuni principi elementari del vivere civile – a cominciare dalla difesa della legalità e delle istituzioni e delle forme democratiche. E in Italia questo è già sufficiente per essere bollati come pericolosi estremisti.
Di più, Marco Travaglio esibisce il talento di un grande scrittore satirico: la sua rubrica Bananas, pubblicata quotidianamente sull’«Unità», è uno scintillante esercizio di invenzioni e di intelligenza, dove la parola – plasmata fino al limite del virtuosismo – diventa un’arma infallibile, ma anche il trampolino per una implacabile critica della realtà. Lo sanno benissimo i suoi affezionati lettori, ma anche le sue vittime. Sulla scia del suo maestro Indro Montanelli e di un altro modello come Fortebraccio, Marco Travaglio è anche un autentico scrittore, un maestro in una delle arti più difficili: far ridere, anche se con una punta di feroce amarezza.


Nei suoi articoli e nei suoi libri, come nella rubrica Bananas, pubblicata quotidianamente sull'"Unità", Marco Travaglio segue con puntigliosa determinazione l'involuzione italiana. Da un lato tiene viva la memoria di un passato che i nostri potenti sembrano dimenticare con facilità sospetta, cambiando opinione e posizione con assoluta disinvoltura, nascondendo montagne di scheletri negli armadi, impermeabili al senso del ridicolo. Dall'altro resta tenacemente fedele ad alcuni principi elementari del vivere civile a cominciare dalla difesa della legalità e delle istituzioni e delle forme democratiche.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy