Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Inchieste
Editore: Chiarelettere
Pagine: 256
Prezzo: € 16,00
ISBN: 8832964619
Anno: 2021

Visite: 362

Recensione

“Colpevoli? Ce ne sono tanti,
ma alcuni più di altri.
Oblio? Assolutamente no.
La memoria è sacra.
Sarebbe un insulto per le vittime
e la storia del paese.”

A quarant’anni dalla scoperta della P2,
la testimonianza della giornalista
che visse in prima persona il periodo più nero
della Prima repubblica

Gelli e Andreotti. Ci sono loro al centro di molte sedute della Commissione che indagò sulle trame eversive della loggia P2. Ma Belfagor e Belzebù, come li soprannominò Craxi, non sono gli unici spettri che per decenni avvelenarono la nostra democrazia, coltivando nell’ombra la deviazione e l’inganno. Sandra Bonsanti ripercorre le fasi salienti di quelle indagini, che da coraggiosa giornalista documentò e approfondì in ogni loro fase. A quarant’anni dalla scoperta degli elenchi di Castiglion Fibocchi, le raccorda con i recenti esiti delle inchieste sulle stragi, aggiungendo numerosi dettagli inediti e toccanti ricordi personali.
Scopriamo così di quando, nell’agosto del 1974, rinvenne insieme ai carabinieri un deposito di tritolo sulla ferrovia dov’era appena avvenuta la strage dell’Italicus. Di quando nel 1982 seguì la Commissione Anselmi a Otisville, negli Stati Uniti, per l’interrogatorio a Michele Sindona. Di quando nell’aprile del 1988 intervistò Gelli, appena tornato libero, a Villa Wanda. Del suo incontro con i vecchi genitori del giudice Livatino ammazzato dalla mafia nel 1990, degli insulti che le rivolse Cossiga, forse piccato dai suoi articoli sulla P2.
Come scrive Stefania Limiti nel suo dialogo con l’autrice in chiusura del libro, la storia della P2 e del suo ineffabile direttore parla ancora molto all’Italia di oggi. Sarebbe un micidiale errore archiviarla come uno spiacevole incidente di percorso.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy