Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Inchieste
Editore: Chiarelettere
Pagine: 368
Prezzo: € 19.00
ISBN: 9788832961720
Anno: 2020

Visite: 4008

Recensione

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di ricerche negli archivi britannici, americani e italiani (compresi quelli del vecchio PCI), punta a ricostruire l’intricata trama tessuta nel silenzio per decenni da molteplici agenzie di spionaggio (ufficiali e non) operanti in Italia da ancor prima della fine della Seconda guerra mondiale, al fine di destabilizzare l’equilibrio socio-politico del nostro Paese. Dal mancato attentato al governo Bonomi a quelli falliti contro De Gasperi e Togliatti per impedire il compromesso storico, fino al terrorismo mafioso dei primi anni Novanta, le manovre occulte delle menti del doppio Stato hanno traghettato l’Italia del periodo post-bellico – descritta dall’intelligence angloamericana come “una terra di nessuno tra l’Est e l’Ovest” – verso un periodo buio e incerto, che ha portato l’Italia quasi sull’orlo della guerra civile e che ha raggiunto il suo culmine con la strategia della tensione e gli anni di piombo. Il tutto, come sottolineano gli autori nella nota iniziale, senza che la magistratura potesse aggredire il livello più alto delle complicità, dei mandanti e delle regie occulte, che pure si intravedevano dietro le verità accertate.

Prefazione del professor Giuseppe Vacca, ex presidente della Fondazione Gramsci.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy