Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Economia
Editore: Aliberti editore
Pagine: 144
Prezzo: € 9,90
ISBN: 9788874246960
Anno: 2010

Visite: 2318

Recensione

Un manoscritto ritrovato nella cella di un carcere di New York. La confessione di un detenuto eccellente. Tutto comincia qualche decennio fa. Le élite rifiutano le concezioni “socialiste”. L’America vuol essere la società più libera del mondo. Una società di soli individui. Come dice il grande Milton Friedman? «Ciascuno è libero di fare del bene, ma a sue spese». Attraverso incontri segreti fra intellettuali, economisti, uomini politici, magnati della stampa, lobbisti e miliardari in dollari, nasce la congiura. Basta con l’uguaglianza: le disuguaglianze vanno accettate. Purtroppo c’è un buco nel capitalismo. L’arricchimento dei ricchi produce l’impoverimento del ceto medio. E allora come si può far crescere all’infinito un’economia che tende a incepparsi? Semplice: si danno i soldi ai poveri, a credito. E quando l’America si indebita troppo, si incarta il debito in involucri finanziari e li si manda in orbita nel circuito finanziario mondiale. Quando gli involucri si sgonfiano, piove merda. Non è il Ventinove, è infinitamente peggio. È il 2009.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy