Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.
Categoria: Cultura
Editore: Imprimatur
Pagine: 190
Prezzo: € 16.00
ISBN: 978-88-6830304-4
Anno: 2015

Visite: 3912

Recensione

Il mondo (sottosopra) del terrorismo islamico visto e raccontato da una miliziana dell’esercito di Al Baghdadi. Si chiama “Soldatessa del Califfato” (Imprimatur, 190 pagine, € 16) il libro di Simone Di Meo e Giuseppe Iannini che svela i misteri dell’Isis.

A parlare è direttamente una giovane donna tunisina entrata nella fila dello Stato Islamico per amore di un combattente (un ex calciatore di serie A del suo paese). Testimone degli stupri di guerra nei campi di concentramento del Califfato e social media manager dei terroristi su Facebook e Twitter per il reclutamento di giovani donne da dare in sposa ai jihaidisti, la soldatessa rivela la faccia nascosta dell’organizzazione terroristica che sta facendo tremare l’Occidente così come si legge nel capitolo che viene riportato di seguito.

Le mie giornate si dividevano tra i cinguettii di Twitter e le urla di dolore delle vittime della polizia morale.
La brigata al-Khansaa è l’altra metà del terrore. È composta esclusivamente da donne dai sedici ai trent’anni circa, molte delle quali occidentali. Sono veri e propri “battaglioni” chiamati a verificare il regolare svolgimento della vita cittadina, punendo chi si comporta male. Nella nostra lingua questo esercito è detto “Hesba”, dal nome del quartier generale dove ha sede pure l’ufficio propaganda del Califfato.
All’inizio, la polizia morale era stata costituita con un compito ben preciso: verificare che, sotto il niqab delle musulmane, non si nascondessero soldati nemici. Col passare del tempo sono aumentati i compiti ed è cresciuto di pari passo il suo potere. Le soldatesse camminano in formazione unica. Fanno paura solo a guardarle: tutte vestite di nero, lasciano scoperti solo gli occhi, freddi, inespressivi, senz’anima.
Nel mio battaglione eravamo feroci, crudeli. Sanguinarie. Avevamo diritto di vita e di morte sulla popolazione femminile e minorile. Potevamo entrare a sorpresa nelle scuole per verificare che le maestre e le alunne non solo indossassero il velo, ma che lo portassero correttamente. Nello Stato Islamico, tutte sono obbligate a vestirlo. Nemmeno i manichini nelle vetrine fanno eccezione. Abbiamo frustato più di un commerciante che aveva disatteso questo regolamento o che, nel mese del Ramadan, non aveva osservato i precetti della Sharia disertando i tre sermoni del venerdì. Così come abbiamo picchiato donne e ragazzi sorpresi ad ascoltare musica o a fumare: le canzoni e le sigarette sono vietate in strada, in quanto distolgono il pensiero e inquinano lo spirito, che dev’essere invece puro per tendere ad Allah. Non è possibile nemmeno usare le macchine fotografiche. In città, ci sono manifesti apposta per vietare alle donne di portare i pantaloni in pubblico. Ovunque ti giri, trovi degli ordini.
Eravamo l’incubo della popolazione civile di Raqqa.

Khadijah o del terrore femminile
Un giorno fermammo un autobus per controllare che tutti i passeggeri fossero in ordine. Trovammo una donna che aveva il velo troppo corto: la costringemmo a scendere dal pullman, a tornare a casa e a sistemarsi per bene. A piedi, ovviamente. La sua abitazione distava diversi chilometri. Quando tornò, parecchio tempo dopo, ormai stremata, verificato che tutto fosse a posto, dicemmo al conducente che aveva spento i motori e atteso in religioso silenzio i nostri ordini – e con lui tutti gli altri passeggeri – di riprendere il viaggio. Nessuno osò lamentarsi.

Non eravamo però sempre così clementi. L’Hesba è autorizzata anche a torturare le donne nei casi più gravi, come adulterio o blasfemia. In questo caso, usavamo un attrezzo chiamato “biter”, una sorta di tagliola con ferri acuminati che si applica al seno per strizzarlo e sfregiarlo. L’ultima volta che lo provammo su una cristiana, la morsa fu così violenta che, oltre al sangue, dal capezzolo iniziò a uscire anche del latte. Era diventata mamma da qualche mese, quella poverina. Il sangue da rosso era diventato rosa al contatto col latte. Rivoli di questo liquido scendevano sulla pancia e macchiavano il pavimento, mentre la soldatessa continuava a stringere la morsa.
Dopo il nostro “trattamento”, quella sventurata non avrebbe più potuto allattare il suo bambino. Molte svenivano, altre sopportavano il supplizio piangendo silenziose lacrime.
La più sanguinaria del mio plotone era una giovane donna inglese sposata con un terrorista. Provava piacere a far piangere una ragazza. A vederla priva di sensi, con la bava alla bocca e il corpo percorso da tremiti. Si chiamava Khadijah.
[Aicha non lo sa, ma il nome completo è Khadijah Dare. Originaria di Londra, ventidue anni appena, è stata braccata dalle forze speciali inglesi e dai servizi segreti occidentali dopo aver scritto, sul suo profilo Twitter, di voler essere la prima donna a uccidere un occidentale. Ha acquisito una sinistra fama mondiale per aver inneggiato all’assassinio del fotoreporter James Foley. Sul social network dell’uccellino ha la foto di un bambino che imbraccia un fucile mitragliatore. Probabilmente è il figlio di quattro anni avuto dal marito, un combattente turco di origine svedese che si chiama Abu Bakrm, conosciuto proprio su Twitter].
Era sadica e tra le più fanatiche. Studiava il Corano e, quando torturava qualche prigioniera, ne recitava alcune sure a memoria.

Organi genitali straziati
Le prigioniere che ho avuto modo di incontrare militando nella polizia morale vengono dalla cittadina di Arsal o dal nord dell’Iraq.
Di notte sono costrette a restare nude perché tutto, anche un velo, può essere utilizzato per fabbricare una corda rudimentale con cui impiccarsi. Nei campi di concentramento sessuali di Raqqa, per esempio, si erano verificati molti suicidi di questo genere. Noi, le mie “colleghe” e io, volevamo invece che vivessero. E che soffrissero. Secondo la nostra mentalità, essendo infedeli e schiave, quelle povere donne erano nate per mettere i loro corpi a disposizione dell’insaziabile fame sessuale degli uomini del Califfato.
Corpi straziati e abbandonati. Ad alcune veniva addirittura esportato il clitoride, come se avessero potuto magari provare piacere in quelle condizioni. Una mutilazione eseguita dai terroristi, nelle stesse stanze dove quelle sciagurate dormivano, con ferri vecchi e arrugginiti. Li ricordo quei locali: i giacigli e il pavimento erano sempre macchiati di sangue, e c’era una puzza insopportabile. Molte ragazze, alcune poco più che adolescenti, morivano a causa delle infezioni contratte durante questi rudimentali interventi chirurgici. Tantissime erano drogate per annullare le residue resistenze. Nell’esercito dello Stato Islamico sono molto diffuse la marijuana e l’eroina e i soldati ne fanno largo consumo.
 
Info: Imprimatur

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos